Torre Velasca venduta agli americani di Hines: presto una ristrutturazione interna

Passa di mano l'iconica torre del centro. UnipolSai finalmente riesce a venderla

Torre Velasca

Passa da Unipol a Hines la Torre Velasca, uno dei palazzi più conosciuti di Milano, costruito negli anni '50 del XX secolo su progetto dello studio d'architettura BBPR. La torre, di 27 piani per 106 metri, si sviluppa su oltre 20 mila metri quadrati tra uffici, abitazioni (nei piani più alti) e negozi. Hines l'ha acquisita attraverso il fondo Hines Milan 1 Fund, di nuova costituzione, le cui quote appartengono al fondo Hines European Value e che sarà gestito da Prelios Sgr.

L'edificio sarà rinnovato e ammodernato completamente. Rimarrà a uso misto con prevalenza di uffici. Hines si occuperà anche di riqualificare piazza Velasca. «Questa acquisizione ci offre l'opportunità di dare nuova vita alla configurazione e agli interni ormai obsoleti, trasformando la Torre in uno spazio di lavoro moderno e contemporaneo», commenta Mario Abbadessa, country head del gruppo Hines in Italia. 

Negli anni Duemila fu acquisita dalla Fondiaria Sai, del gruppo Ligresti, e passò poi, come altre proprietà della galassia dell'immobiliarista siciliano, al gruppo UnipolSai, che ha tentato più volte di venderla. Tra i possibili acquirenti, in passato, Zhang Jindong, proprietario dell'Inter, che però ha offerto troppo poco. L'operazione di vendita a Hines varrebbe in tutto circa 200-220 milioni di euro.

Torre Velasca ha saputo dividere in "favorevoli" e "contrari" critici, architetti, intellettuali e semplici cittadini. Si può dire che "o la si odia o la si ama". Oltre ad alcune citazioni in libri, è apparsa in diverse pellicole cinematografiche. Nel 2012 il Daily Telegraph la inserì tra gli edifici più brutti del mondo.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Da un altro punto di vista, la Torre Velasca sembra un grattacielo in cima al quale è stato attaccato un pezzo di grattacielo più grande, e questa strana cosa lo fa sembrare simile alla torre di un castello costruito con il meccano, in una città giocattolo nel punto in cui un tempo passavano i buoi che trascinavano i morti della peste. (Aldo Nove, "Milano non è Milano")

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scuola e Coronavirus: "Incalzata, la ministra Azzolina ha abbandonato la chat. Surreale"

  • Coronavirus, mascherine gratis in Lombardia: ecco dove ritirarle, a Milano sono 900mila

  • "Sono affamato": l'Esselunga gli regala la spesa, e lui sputa in faccia al vigilante

  • Coronavirus, a Milano continuano a crescere i contagi. Oltre 9mila morti in tutta la Regione

  • Coronavirus, a Milano 411 nuovi positivi in 24 ore: "La curva dei contagi è preoccupante"

  • Uomo nudo in giro nella Milano deserta per il Coronavirus: "Mi hanno rubato tutto"

Torna su
MilanoToday è in caricamento