Antonio Calderara

La mostra presenta una serie di opere su tavola e su carta dell’artista lombardo, nato ad Abbiategrasso nel 1903, che permettono di ripercorrerne l’avventura artistica dalle prime opere figurative (Il campo, 1928) fino agli esiti astratto-geometrici che contraddistinguono la sua produzione dalla fine degli anni Cinquanta fino al 1978 (Progressioni parallele in viola, 1960), anno della morte avvenuta a Vacciago, oggi sede del museo e archivio Fondazione Antonio e Carmela Calderara.
Difficilmente incasellabile in una sola tendenza, Calderara è prima di tutto indice di se stesso, della sua costante e appassionata ricerca, del suo amore per l’arte e per gli artisti e di una particolare tensione espressiva, come evidenziato nel testo in catalogo a cura di Gianluca Ranzi. Queste doti da sempre lo hanno accompagnato e oggi permettono di leggerne con esemplarità il purismo espressivo delle opere degli anni Trenta e Quaranta, vicine al clima del Novecento di Ubaldo Oppi, Donghi e di Arturo Martini, ma anche al rigore purista di Felice Casorati (Mamma e sorella, 1939, olio su tela), fino alla smaterializzazione della forma in favore dell’accordo luce-colore delle opere dell’ultimo periodo.
Il suo realismo iniziale, se negli anni Trenta da una parte mostra una vaga affinità col Realismo Magico di Massimo Bontempelli, dall’altra se ne distacca per l’attenzione agli aspetti matematico-formali dell’armonia della composizione, che tradiscono l’osservazione puntuale delle opere di Piero della Francesca e di George Seurat (Pittura n.40, 1954), fino alla conoscenza del lavoro di Josef Albers, di Almir Mavignier e di Max Bill, su quella strada che lo porterà, già alla fine degli anni Cinquanta (Il lago e l’isola, 1958), ad abbandonare la figurazione per abbracciare un percorso di riduzione compositiva e di esaltazione minimale del rapporto tra colore e luce (Senza titolo, 1959-60), per molti versi anticipatore delle correnti di pittura analitica degli anni Settanta in Italia e in Francia o dell’astrazione post-pittorica negli Stati Uniti.
Si comprende quindi che, proprio come accade nella ricerca scientifica in cui, inoltrandosi nell’infinitamente piccolo si accede a un vago senso di inafferrabilità, anche l’arco espressivo dell’opera di Antonio Calderara, dalle premesse fino agli esiti estremi, presenta con limpidità un fondo storico molto articolato e uno scientismo rigoroso, che ha saputo tuttavia aprirsi alla leggerezza poetica e ad un grado di emozione lirica unici nel suo genere. Il suo è stato un modo di procedere dal complesso al semplice mantenendo un metodo coerente e personale verso un’assoluta purezza di rapporti, l’esclusione di ogni orpello ornamentativo e il reperimento di una verità che si rivela grazie alla magia del variare ritmico tra luce e colore.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

  • Visita la cripta di San Sepolcro con cena nell'area dell'antico foro romano

    • dal 16 gennaio al 31 dicembre 2019
    • Cripta di San Sepolcro
  • Aperitivi in biblioteca

    • Gratis
    • dal 26 marzo al 20 novembre 2019
    • Politecnico di Milano Biblioteca Storica
  • A Milano arrivano le meditazioni gratuite ogni primo martedì del mese

    • Gratis
    • dal 10 settembre al 7 ottobre 2019

I più visti

  • Apertura estiva dei Bagni Misteriosi: novità, orari notturni e aperitivi sotto le stelle

    • dal 31 maggio al 29 settembre 2019
    • Bagni Misteriosi
  • Il percorso dei segreti della Cà Granda tra documenti antichi e 150.000 scheletri

    • dal 27 gennaio 2018 al 31 dicembre 2019
    • Cà Granda
  • Milano come gli Stati Uniti: ecco il cinema drive-in con i film da guardare in auto

    • dal 25 maggio al 30 ottobre 2019
    • Idroscalo
  • "Leonardo da Vinci Parade": dal 19 luglio al 13 ottobre 2019 al Museo Nazionale Scienza e Tecnologia

    • dal 19 luglio 2018 al 13 ottobre 2019
    • Museo Nazionale della Scienza e della Tecnologia
Torna su
MilanoToday è in caricamento