In intimo per sfidare i pregiudizi: la grande sfilata in Duomo

In tantissimi hanno partecipato all'iniziativa

Sabato 12 Ottobre sono state oltre 300 le donne e gli uomini in Piazza Duomo a sflilare in intimo contro i pregiudizi! Questa è stata la tappa più grande ed emozionante del flash mob organizzato dall’associazione no-profit BODY POSITIVE CATWALK istituita dalla modella curvy Laura Brioschi con oltre 500k e dal suo compagno Paolo Patria che insieme hanno dato vita al movimento #BODYPOSITIVE più grande ed importante d’Europa. Il nobile scopo è quello di unire uomini e donne di diversa forma fisica, età, etnia, orientamento sessuale, eventuali deficit e qualsiasi caratteristica per abbattere pregiudizi, combattere il bullismo e ricordarci proprio attraverso le caratteristiche di ognuno di noi che siamo tutti, semplicemente, esseri umani. 

Sono state ben 300 le coraggiose persone da tutto il mondo (Spagna, Francia, Norvegia, Russia, Inghilterra, Belgio, Germania, Kazakistan, Khirzikistan) che hanno scelto di rispondere all’appello di Laura e partecipare al Flash Mob mostrandosi senza veli e senza vergona Il primo di questi eventi è stato realizzato il 25/2/18 dopo che Laura è stata ispirata dalle immagini della #therealcatwalk di New York, la città in cui tutto è possibile e da li ha sfidato le paure e si é attivata per realizzarlo in Europa durante la Fashion Week di Milano! 30 donne sotto la neve hanno dato il via a quello che oggi con oltre 300 presenze é diventato il più grande movimento Europeo #bodypositive. A Marzo 2019 un altro flash mob a Milano in cui erano 150 da tutto il mondo e da qui è seguito il Summer Tour con tappa a Parigi, Berlino e Barcellona! Ora si progettano le nove date, che vedono toccare sia altre città d’Italia, soprattutto al sud, che la Russia e forse...Los Angeles!

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Oltre a Laura e Paolo, Cinzia Tommasi ha contribuito all'organizzazione dell'evento di Milano. Lei è un'attivista milanese di questo movimento, che porta avanti tramite il suo profilo instagram, con l'obiettivo di essere un modello di ispirazione per tutte quelle persone che non si sentono bene con il proprio corpo. In particolare, lei si è sempre sentita discriminata dalla società per via della sua taglia "non-standard" e voleva mostrare agli altri che non bisogna vivere nascondendosi, ma valorizzandosi al meglio. Il nostro corpo non ci definisce e bisogna imparare a guardare oltre, noi siamo molto più di questo. Inoltre, è anche molto sensibile alle tematiche legate alla disabilità: suo fratello maggiore Massimiliano, detto Max è affetto da sindrome di down, e lei ha vissuto in prima linea la battaglia che i suoi genitori hanno dovuto combattere per farlo accettare dalla società. Sabato 12 Ottobre lei e suo fratello hanno avuto l'occasione di sfilare per la prima volta insieme, contro ogni forma di pregiudizio. Il ruolo di Cinzia in questa Bodypositive Catwalk non è stato solo quello di modella, ma anche di organizzatrice: ha affiancato attivamente Laura Brioschi e Paolo Patria nella gestione dei ragazzi e delle ragazze, e anche a livello burocratico e sociale.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bollettino contagi 30 maggio 2020: morti senza fine, ancora 67 persone. Contagi stabili

  • Bollettino Coronavirus in Lombardia e a Milano: continuano a salire i contagi +382

  • Bollettino Coronavirus in Lombardia: 38 morti e +354 positivi, il 70% dei nuovi casi in Italia

  • Coronavirus, "in Lombardia magheggi sui numeri per riaprire". Il Pirellone: "Non è vero". E querela

  • Bonus bici valido a Milano, l'elenco dei Comuni: ecco come richiederlo

  • Francesco, 18 anni e i polmoni "bruciati" dal Coronavirus: salvato col trapianto da record

Torna su
MilanoToday è in caricamento