Dare un nome ai corpi per conoscere la storia

Al tavolo dei relatori un’antropologa forense e un archeologo. Sullo sfondo, l’orrore dei 15.000 morti senza nome del Mediterraneo degli ultimi anni, ma non solo. Perché dare un volto e un nome ai corpi costituisce da sempre un'esigenza primaria dell'essere umano, e permette di scoprire storie - antiche e recenti – molto interessanti. Per questo Ambrosianeum e Fondazione Matarelli invitano due dei massimi esperti del settore a parlare del loro lavoro e delle loro scoperte, in un incontro che si annuncia per molti versi denso di sorprese.
Introduce e coordina:
• Paolo Galimberti, Direttore Servizio Beni Culturali, Fondazione IRCCS Ca' Granda Ospedale Maggiore Policlinico di Milano.

Organizzano: Fondazione Ambrosianeum, Fondazione Matarelli

Intervengono:
• Cristina Cattaneo, Ordinario di Medicina Legale, Laboratorio di Antropologia e Odontologia, Sezione Medicina Legale, Dipartimento Scienze Biomediche per la Salute, Universita' degli Studi di Milano: Naufraghi senza volto: le vittime del Mediterraneo.

• Fabrizio Slavazzi, Ordinario di Archeologia Classica, Dipartimento Beni Culturali e Ambientali Universita' degli Studi di Milano: Il sepolcreto nella Chiesa dell'Annunciata dell'Ospedale Maggiore di Milano.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • A Milano il Villaggio di Natale più grande d'Italia: un mega parco a tema di 30mila metri quadrati

    • dal 29 novembre 2019 al 6 gennaio 2020
    • Ippodromo di San Siro
  • A Milano la maxi mostra dei Lego: intere città e mondi ricostruiti

    • dal 11 ottobre 2019 al 2 febbraio 2020
    • Museo della Permanente
  • Il percorso dei segreti della Cà Granda tra documenti antichi e 150.000 scheletri

    • dal 27 gennaio 2018 al 31 dicembre 2019
    • Cà Granda
  • A Palazzo Reale una mostra con opere di Picasso, Monet e Gauguin provenienti dal Guggenheim di New York

    • dal 17 ottobre 2019 al 1 marzo 2020
    • Palazzo Reale
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    MilanoToday è in caricamento