"Dreamers" – arte contemporanea tra sogno e surreale

Dal 19 al 31 Luglio 2016

Chie art Gallery, Milano

Viale Premuda 27

Sarà inaugurata martedì 19 luglio ore 18.30 presso la Chie Art Gallery una collettiva d'arte dal titolo "Dreamers- arte contemporanea tra sogno e surrelae". L'evento a cura di Francesca Callipari, si concentra sul forte legame esistente tra arte e sogno, legame istintivo che nasce dall'esigenza primordiale dell'artista di dar libero sfogo al proprio inconscio, il quale proprio nell'arte come nel sogno emerge spontaneamente senza limiti o costrizioni.

Un rapporto che talvolta è palesemente dichiarato, progettato, ma che in altri casi si esplica in modo del tutto casuale, risultante dal desiderio di trovare nuovi linguaggi, nuove forme ed immagini atte ad imprimere una visione diversa sul mondo.

Questa esposizione si concentra sull'arte come sogno, rappresentazione di scene oniriche, mondi immaginifici, fantasy, surreale. Tutto ciò che va al di là della razionalità… una mostra che intende dimostrare il potere evocativo dell'arte in tutte le sue forme, evidenziando come attraverso di essa si possa intraprendere un viaggio magnifico verso l'infinito alla scoperta di immagini o esperienze già vissute, di ricordi che riemergono dal nostro Io più profondo, rigenerandoci, perché come affermava Shakespeare "Siamo fatti della materia di cui son fatti i sogni e nello spazio e nel tempo d'un sogno è racchiusa la nostra breve vita".

Espongono:

Silvia Baldacci:

Figlia di un noto antiquario fiorentino, dopo il diploma di stilista, frequenta un corso di pittura presso " la Bottega dell' Arcimboldo ", apprendendo con successo la tecnica del tratteggio a graffite. In anni recenti abbandona la vena classica tipica dei primi lavori per sperimentare nuove linee ed espressioni, da cui scaturisce uno stile moderno, contraddistinto da una freschezza dei colori e una particolare profondità d' animo che convergono verso una fusione tra sogno e realtà dove tutto è in continuo movimento.

Valerio Betta:

Attivo sin dal 1970 con presenze in numerose rassegne nazionali e internazionali, ha frequentando lo studio del famoso acquafortista G.Nino Ramorino, dal quale ha appreso la tecnica dell'acquaforte, aprendo così nuovi spazi alla sua sensibilità artistica. I suoi lavori, eseguiti su sfondo sabbiato, sono atmosfere invernali ove i colori diventano sensazioni che non sono mai fredde ma cariche di sentimento e molto umane. Gli acquerelli sono molto gioiosi con scene della valle e del Garda, quasi miniature ottocentesche, sogni che camminano sul colore, oppure grandi vasi di fiori che si perdono nello sfondo e sembra quasi che non ci sia distacco tra il fiore e lo sfondo ma anche lo sfondo sia una continuità dell'atmosfera del fiore e delle foglie.

Samoa Cocco:

Artista autodidatta, spazia dalla passione per il disegno alla pittura, sperimentando tecniche diverse, dall'acquerello fino al quella del Dry Brush, pittura ad olio su carta a pennello asciutto che dal 2013 ha contraddistinto tutte le sue opere. L'arte è per lei mezzo di espressione della propria anima, attraverso il quale può esprimere se stessa in tutte le sue emozioni, passioni e sensazioni!

Vassilios Dragani:

Artista di origini greche, Vassilios, presenta uno stile variegato e volto alla sperimentazione in cui a dominare è quasi sempre il colore, un colore vibrante che crea sfondi in movimento in cui talvolta trovano posto figure esili e stilizzate. Una pittura immediata attraverso la quale l'artista trasmette un'infinità di emozioni, ponendosi in continuo dialogo con l'osservatore.

Alessandro Mandanici:

Artista autodidatta, dopo aver studiato grafica pubblicitaria, si cimenta nella pittura, dando vita ad uno stile peculiare, contraddistinto da linee sinuose, movenze circolari e onde cromatiche dal tratto nervoso che costruiscono uno sfondo in movimento da cui emerge, come in una danza, al centro, il ritratto del personaggio raffigurato.

Irene Perbellini:

Artista che si muove tra la passione per la pittura a quella per la scultura in argilla, la Perbellini fa di questi due elementi gli strumenti attraverso i quali esprimere liberamente le proprie emozioni, le idee che scaturiscono istintivamente nella sua mente. Sia nell'una che nell'altra tecnica preferisce il contatto diretto con l'opera: ama sentire al tatto gli elementi che andranno a comporre le sue creazioni, instaurando così un legame profondo tra la propria anima e l'opera in fase di realizzazione.

Ilaria Ranzato:

Artista che ama sperimentare, si affaccia nel mondo dell'arte con estrema libertà, dando vita ad opere in tecnica mista nelle quali ad un forte impatto visivo, reso anche attraverso cromatiche brillanti, si associa uno straordinario potere emozionale. Nelle opere in mostra ciò che colpisce è tra l'altro una particolare attenzione ai dettagli che l'artista rende mediante una pittura materica con elementi in rilievo.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • Il percorso dei segreti della Cà Granda tra documenti antichi e 150.000 scheletri

    • dal 27 gennaio 2018 al 30 giugno 2019
    • Cà Granda
  • Mostra “Leonardo & Warhol in Milano: the Genius Experience”: dal 1 marzo al 30 giugno alla Cripta di San Sepolcro

    • dal 1 marzo al 30 giugno 2019
    • Cripta di San Sepolcro
  • Migliaia di farfalle nere invadono un intero appartamento: ecco la mostra gratuita

    • Gratis
    • dal 3 aprile al 8 luglio 2019
    • Fondazione Adolfo Pini

I più visti

  • Aperitivo gratuito in vigna sui tetti della Galleria

    • dal 13 ottobre 2018 al 31 luglio 2019
    • Highline Galleria
  • Il percorso dei segreti della Cà Granda tra documenti antichi e 150.000 scheletri

    • dal 27 gennaio 2018 al 30 giugno 2019
    • Cà Granda
  • “Beyond the Castle”: dal 29 marzo fino a settembre 2019 realtà virtuale al Castello Sforzesco per vivere come un arciere nella Milano rinascimentale

    • dal 29 marzo 2018 al 1 settembre 2019
    • Castello Sforzesco
  • Mostra “Leonardo & Warhol in Milano: the Genius Experience”: dal 1 marzo al 30 giugno alla Cripta di San Sepolcro

    • dal 1 marzo al 30 giugno 2019
    • Cripta di San Sepolcro
Torna su
MilanoToday è in caricamento