"Un sogno lungo cent’anni". Freud e Jung in scena al Teatro dell'Arte della Triennale per il 50° del Cipa

In occasione del 50°anniversario di fondazione del C.I.P.A. (Centro Italiano di Psicologia Analitica)

Il 4 novembre del 1899 Sigmund Freud pubblicò l'interpretazione dei sogni. Da quel giorno qualcosa è cambiato per l'uomo in Occidente. Accanto alla ragione e alla coscienza hanno preso posto l' inconscio, il mistero, il mondo notturno e onirico. "Un Sogno lungo cent'anni" è il testo di una pièce drammaturgica in cui sono evocati, con i loro dissensi teorici e attraverso l'animazione messa in scena di due sogni molto famosi di Sigmund Freud e Carl Gustav Jung.

Testi di Marco Garzonio, drammaturgia di Anna Nogara, regia di Marco Rampoldi. Con Anna Nogara, musiche del quartetto d'Archi de la VERDI - Violini: Lycia Viganò, Adriana Ginocchi; Viola: Miho Yamaghishi; Violoncello: Nadia Bianchi. Voci Elia Schilton e Claudio Moneta.

Una rappresentazione drammaturgica, in cui viene proposto in modo originale il tormentato rapporto tra Freud e Jung, visti nella prospettiva in cui essi stessi si posero, di "padre" e di "figlio". Il testo offre una possibile documentata lettura di una realtà vissuta nell'Europa agli esordi del Secolo breve eppure molto attuale, in un momento cioè in cui l'Europa oggi si blinda dietro barriere di filo spinato e respinge chi fugge da guerre e persecuzioni, invece di affrontare le paure inconsce, riflettere e portare alla coscienza i problemi. L'Europa oggi è disperatamente sola, nega il futuro e si difende dalla memoria. L'Europa oggi sta facendo di tutto per uccidere i sogni, i suoi, dei suoi figli e delle sue figlie, dei Padri fondatori e delle innumerevoli madri coraggio che hanno retto i lutti e tenuto aperto il cuore alla speranza. L'Europa oggi contrappone fantasmi di cui è preda ai sogni dei profughi. Ma non è detto che l'Europa riesca in questa sinistra, buia, diabolica impresa. La cultura della vita avrà ancora ragione della cultura della morte. Ecco, la parabola di Freud e di Jung, gli "inventori" della visione moderna dei sogni e maestri nello scandaglio dell'inconscio individuale e collettivo, travalica i protagonisti e le circostanze specifiche. Rievocare e attualizzare il loro rapporto assurge a straordinaria occasione per una riflessione condivisa sulle tragedie del presente, per prendere coscienza delle possibili vie d'uscita - in modo catartico come accadeva nell'antico teatro greco -, per assumerci ciascuno le nostre responsabilità. La rappresentazione del testo di Marco Garzonio avviene nell'ambito delle celebrazioni per il 50° della fondazione del CIPA. È il modo di una società analitica junghiana per riproporre il valore attualissimo della psicoanalisi, il rapporto vitale della psicologia del profondo con la città, il territorio, il tempo, la propria funzione formativa delle nuove generazioni. Un sogno lungo cent'anni è pubblicato dall'editrice Vivarium.

Il Centro Italiano di Psicologia Analitica (CIPA) è un'associazione di psicologi analisti che fanno riferimento alla teoria e alla clinica di C. G. Jung. I suoi scopi principali sono:

- lo studio, lo sviluppo e la diffusione della Psicologia Analitica in Italia

- il mantenimento di un alto livello di preparazione scientifica e professionale dei propri membri

- la formazione di psicoterapeuti a indirizzo junghiano

- la formazione di psicologi analisti dell'età adulta e di psicologi analisti dell'età evolutiva.

Il CIPA ha tre sedi: Istituto di Milano e dell'Italia Settentrionale, Istituto di Roma e dell'Italia Centrale, Istituto Meridionale a Catania. L'Istituto di Milano organizza eventi scientifici, conferenze, cineforum, gruppi di studio intorno ai temi centrali della psicologia analitica, aperti alla partecipazione dei soci, di psicoanalisti di altre scuole e di esponenti del vasto mondo della cultura e dell'arte.

Nel 2016, per il 50° della sua fondazione, il CIPA promuove una serie di iniziative volte a dimostrare quanto sia vivo il rapporto tra la psicologia del profondo e il territorio e come le trasformazioni epocali in atto vadano conosciute nelle loro dinamiche più complesse per poter essere governate.

Per informazioni e prenotazioni:

CIPA - Centro Italiano di Psicologia Analitica

Via Donizetti 1/A, 20122 MILANO

Tel. 02/5513817

E-mail: info.cipa@iol.it

Web: www.cipajung.it

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • A Milano il Villaggio di Natale più grande d'Italia: un mega parco a tema di 30mila metri quadrati

    • dal 5 dicembre 2019 al 6 gennaio 2020
    • Ippodromo di San Siro
  • A Milano la maxi mostra dei Lego: intere città e mondi ricostruiti

    • dal 11 ottobre 2019 al 2 febbraio 2020
    • Museo della Permanente
  • A Palazzo Reale una mostra con opere di Picasso, Monet e Gauguin provenienti dal Guggenheim di New York

    • dal 17 ottobre 2019 al 1 marzo 2020
    • Palazzo Reale
  • Torna l'Artigiano in fiera 2019: è gratis, ma bisogna registrarsi. Ecco come

    • Gratis
    • dal 30 novembre al 8 dicembre 2019
    • Fieramilano
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    MilanoToday è in caricamento