Milano Digital Week 2020: il programma con 500 eventi on-line

  • Dove
    Indirizzo non disponibile
  • Quando
    Dal 25/05/2020 al 30/05/2020
    Orario non disponibile
  • Prezzo
    Gratis
  • Altre Informazioni
    Sito web
    milanodigitalweek.com

Torna Milano Digital Week, la manifestazione promossa dal Comune di Milano – Assessorato alla Trasformazione digitale e Servizi civici – e realizzata da IAB Italia, Cariplo Factory e Hublab, con il sostegno di Intesa Sanpaolo (main partner) e Nexi (top partner). Un'edizione completamente online a tema “Città trasformata”.

Da lunedì 25 a sabato 30 maggio 2020, Milano Digital Week riparte dalle riflessioni sulle trasformazioni del vivere quotidiano, con una possibilità ridotta di fruire fisicamente gli spazi, di vivere le relazioni interpersonali, di far parte di una comunità. Da qui la necessità di riformulare l’evento, in modo ancora più collettivo: un progetto sulla capacità connettiva di trasformazione della città che trascende i propri confini milanesi e diventa, grazie al digitale, nazionale.

Un'edizione interamente on-line

L’obiettivo è la valorizzazione delle esperienze e degli approcci alle tecnologie che partono dai cittadini, dal sistema produttivo e da quello accademico, la promozione dell’open access, l’inclusione e l’alfabetizzazione digitale.  Nell’edizione 2020, che si svolge interamente online sulla piattaforma www.milanodigitalweek.com, si affronteranno molte declinazioni del digitale, passando dalla dimensione sociale a quella economica, da quella culturale a quella più tecnologica: un’opportunità di riflessione e confronto per cittadini, professionisti, giovani imprenditori, addetti ai lavori, curiosi e appassionati di tutte le età.

Sei giorni di partecipazione attiva e gratuita con un ricco palinsesto di oltre 500 eventi on line, più di 200 speaker, con più di 300 incontri generati dalla “call” di MDW, e oltre 150 tra conferenze, webinar, tavoli di discussione ideati e proposti dai curatori. E ancora 8 Hackathon, 9 Lectio magistralis, 7 centri del sapere (Università e Accademie), 1 Final Party con un live concert in streaming (a pagamento) e più di 300 ore di contenuti multimediali fruibili gratuitamente.

Una grande opportunità di confronto e discussione sui segmenti che innervano i grandi temi del presente, oggi in grande trasformazione: dal lavoro alla salute, dall’ambiente alla cultura, dall’economia e i media alla produzione del sapere.

“Città trasformata” è il titolo e filo conduttore di questa nuova edizione: tanti attori che utilizzano - ora più che mai - il digitale come veicolo per relazionarsi, per la divulgazione, per il lavoro. Un ecosistema inclusivo che anima una manifestazione democratica e inclusiva basata sulla partecipazione attiva di tutti i soggetti sociali, nessuno escluso. Un grande racconto collettivo, fatto di esperienze e progetti in divenire, esempi virtuosi di trasformazione e nuove opportunità con al centro l’innovazione e il digitale per rimodellare il presente e il futuro.

Roberta Cocco, assessora alla Trasformazione digitale e Servizi civili dichiara: “racconteremo le sfide a cui tutti noi siamo stati chiamati in un periodo così difficile come quello che stiamo attraversando e come il digitale sia riuscito a fornire soluzioni e risposte concrete in tutti gli ambiti, permettendoci di non interrompere i servizi pubblici, la didattica, il lavoro. Sarà però un’edizione che supera i confini fisici, territoriali e temporali e che, proprio grazie alla sua natura “digitale” ci permetterà di raggiungere una platea molto più ampia rispetto alle edizioni passate e che potrà usufruire dei contenuti anche al termine della manifestazione: Milano sarà il punto di partenza per esplorare il cambiamento culturale e sociale che ha investito il mondo intero e che ora, grazie al digitale, sta portando alla luce nuove possibilità e nuovi modi di vivere, di muoversi e di abitare la città”.

I temi della nuova edizione

Tra i temi della terza edizione: il lavoro, quello che arriverà e quello che forse non ci sarà più, le competenze trasversali necessarie e le nuove economie, le governance e le ipotesi di sviluppo (geopolitica, innovazione sociale e progettazione), l'educazione e la formazione, la sostenibilità e l’ambiente (nuovi ecosistemi e strategie urbane), la salute e la privacy (accesso, etica e tecnologie necessarie), l’arte, la musica e la cultura (live performance e live concert), i media (infotainment, fake news, nuovi linguaggi). Alcuni di questi temi saranno alla base degli 8 Hackathon focalizzati su otto dei 17 challenge legati ai Sustainable Developement Goals delle Nazioni Unite, supportati da 8 aziende: una vera e propria “assemblea di confronto” – patrocinata da UN SDG Action Campaign – per vedere come pensiero e conoscenza ci possono aiutare nel definire i nuovi paradigmi che ci aspettano o che, probabilmente, dovremo essere capaci di creare.

Se la protagonista resta Milano e le molte connessioni dentro e fuori l’Italia, sarà però una piattaforma e una regia digitale a creare un palinsesto con format diversi: talk, conferenze, Lectio magistralis, webinar, oltre all’accesso all’Archivio della MDW con approfondimenti sul sito o su piattaforme esterne (blog, articoli). Nella sezione non-live del sito MDW, il pubblico potrà gustare, da venerdì 22 maggio, una serie di contenuti, divisi in vari formati (video, audio, testo), creati da molti protagonisti del nostro tempo - esperti di settori eterogenei, che vanno dalla geopolitica alla Realtà Virtuale, dalla filosofia all'economia fino all'educazione. Un vero e proprio archivio digitale che accompagnerà in qualsiasi ora la nuova Milano Digital Week.

Nicola Zanardi, Presidente di Hublab e curatore della Milano Digital Week dichiara: “Avevamo chiesto a tutti di lavorare sulla "Città aumentata", una Milano al massimo del suo splendore, piattaforma fisica della sua evoluzione innovativa. Dopo il rinvio a marzo abbiamo deciso di cambiare il tema, anche della call aperta, cercando di riflettere sulle trasformazioni attuali ma soprattutto prospettiche e, a questo punto, condivise non solo in città ma patrimonio di tutto il Paese. La risposta è stata molto al di sopra delle aspettative. Ancora una volta milanesi, e non, ci sorprendono con una partecipazione che sforerà i 600 eventi, di cui il 30% curati direttamente dalla MDW. Una vera e propria assemblea permanente, un confronto con circa 250 ospiti, famosi e sconosciuti, industriali e intellettuali, tecnologi e umanisti. Milano è viva e sta lottando per il suo futuro”.

Un nuovo approccio per le aziende

“Se prima della pandemia il digitale era principalmente prerogativa di alcune élite e fasce di età, ora non lo è più. Esso è diventato chiaramente l’asse portante della società connessa in cui viviamo e lavoriamo. Non può più quindi essere catalogato come una disciplina a sé stante, ma è una nuova visione del mondo, un nuovo approccio per aziende, cittadini e Istituzioni. D’ora in avanti vivremo e lavoreremo simultaneamente in due mondi: quello fisico e quello digitale che si influenzeranno reciprocamente innescando nuove dinamiche economico-sociali di cui tener conto - dichiara Carlo Noseda, Presidente di IAB Italia e tra gli organizzatori della Milano Digital Week – Questa edizione di MDW è l’esempio concreto di come, nonostante le evidenti difficoltà contingenti, il digitale possa essere a servizio della trasformazione: un mutamento inclusivo che parte dalla condivisione delle conoscenze e della partecipazione attiva di tutti gli attori, permeando la società di una buona cultura digitale. Capace questa volta di “trasformare” un’intera città come Milano, ma servire anche come piattaforma per intraprendere un percorso di digitalizzazione a livello nazionale”.

“Mettere le persone al centro del processo di trasformazione digitale: questo è il modo migliore per rendere inclusivi e realmente innovativi i grandi cambiamenti che stanno attraversando la nostra società – dichiara Carlo Mango, Consigliere Delegato Cariplo Factory. Nel recente lockdown abbiamo toccato con mano le potenzialità del digitale come fattore abilitante per la scuola, il lavoro, l’arte, la cultura e la socialità. La grande sfida di questa edizione della Milano Digital Week è quella di veicolare informazioni, conoscenze ed esperienze sfruttando solo i canali digitali. È più che mai un evento di frontiera, che se da una parte deve fare a meno dei luoghi della città, dall’altra può ambire a raggiungere un pubblico ancora più ampio, non solo milanese ma italiano. Un contributo rilevante in termini di accesso alla conoscenza e alla tecnologia, nel tentativo di accorciare le distanze tra i cittadini e le grandi innovazioni digitali”.

Opening

Ad aprire la Milano Digital Week lunedì 25 maggio (ore 14.30) dopo un saluto istituzionale del Sindaco di Milano, Giuseppe Sala e dell’Assessore alla Trasformazione digitale e servizi civici, Roberta Cocco, la lectio magistralis di Alessandro Rosina, Professore di Demografia e Statistica all’Università Cattolica: partendo da un’analisi della situazione attuale del sistema-Paese, offrirà qualche ipotesi di scenari possibili (“Per una ripartenza demografica” in partnership con TIM – ore 15.15).

Segue l’incontro “Città, emergenza, ripartenza: la risposta digitale dei comuni italiani” (ore 16) promosso dall’Assessorato alla Trasformazione digitale e servizi civici del Comune di Milano e in collaborazione con ANCI, per la condivisione delle Best Practices di progetti Digitali realizzati dalle città italiane in risposta all’emergenza COVID-19. L'Italia si è mobilitata per rispondere alle esigenze del cittadino durante l'emergenza e il digitale ha aiutato a rendere possibile tutto ciò. Per questo motivo, all'interno della Milano Digital Week, verranno raccontati i progetti e le soluzioni digitali che i Comuni Italiani hanno sviluppato e adottato per far fronte alle necessità dei cittadini nell'emergenza.

Con la presenza di Marina Ponti, Global Director - UN SDG Action Campaign, viene dato ufficialmente il via al grande Hackathon della Milano Digital Week (ore 17.30). La giornata si chiude (ore 19) con una conversazione sul ruolo della tecnologia e sulla sua "doppia anima", condotta da Daniele Manca (vicedirettore de “Il Corriere della Sera”) con Gustavo Ghidini e Alessandro Massolo, autori del saggio “La nuova civiltà digitale” (Solferino editore).

Hack for the goals

Tra gli eventi di punta della terza edizione della Milano Digital Week, un grande Hackathon virtuale focalizzato su 8 obiettivi di Sviluppo Sostenibile delle Nazioni Unite (Sustainable Development Goals) che compongono l’Agenda 2030 e che si riferiscono ai diversi ambiti dello sviluppo sociale, economico e ambientale del nostro pianeta. Una vera e propria maratona digitale di innovazione (dal 25 al 28 maggio) – patrocinata da UN SDG Action Campaign - che metterà il pensiero e la conoscenza di centinaia di giovani talenti creativi – designer, informatici, artisti, esperti di comunicazione, filosofi - al servizio della comunità con il fine ultimo di ideare e sviluppare soluzioni concrete di Open Innovation per costruire una città e una società più sostenibile, inclusiva e aperta.

Partendo dagli otto “Goal”, centinaia di giovani, suddivisi in squadre e guidati da mentor aziendali, affronteranno le diverse sfide che saranno oggetto di singoli Hackathon, e supportati dalle otto aziende che condividono il carattere universale degli SDG.

Ecco i temi: Accenture Hack è dedicato alla parità di genere: costruire una cultura delle pari opportunità non è solo un imperativo etico ma uno strumento di empowering aziendale; BlackRock Hack è l'hackathon sul fintech (tecnologia finanziaria) legato ai cambiamenti climatici; l'Hack for Goal 8 promosso da Cisco all'ideazione di nuove soluzioni che possano rendere più coinvolgente e interattivo l'utilizzo delle tecnologie di comunicazione da remoto, in un'ottica di data privacy e cybersecurity; Fastweb Hack è dedicato alla città del futuro e a soluzioni digitali per migliorare la qualità della vita delle imprese e dei cittadini; Novartis Hack ha l'obiettivo di promuovere l’innovazione nello sviluppo di prodotti e servizi indirizzati alla persone affette da Sclerosi Multipla; Open Fiber Hack si concentra sull’education e su come una connettività ultraveloce possa essere lo strumento chiave per garantire un'educazione scolastica senza discriminazioni; Pulsee Hack è dedicato al Carbon Footprint e allo studio di nuovi strumenti che permettano ai singoli cittadini di misurare le emissioni di CO2 rendendoli più consapevoli dei propri consumi, mentre Snam Hack è dedicato allo sviluppo sostenibile, alla ricerca di soluzioni tecnologiche per la transizione energetica, puntando su gas rinnovabili, come biometano e idrogeno.

Ogni Hackathon sceglierà il miglior progetto e gli 8 vincenti verranno premiati durante una cerimonia online (giovedì 28 maggio - ore 16).

La fabbrica del lavoro

La Fabbrica, hardware del lavoro materico per eccellenza, si unirà al software dell'immateriale, la risorsa economica del terzo millennio: al centro, idee e riflessioni proposte attraverso talk alla scoperta dell'automazione, delle nuove professioni, della digitalizzazione, dell'importanza dei dati e dei nuovi diritti per le nuove frontiere professionali - tra smart working e digital divide, attraverso webinar coordinati da grandi protagonisti della rivoluzione del lavoro dedicati alle nuove competenze digitali. In tutto, 26 eventi live che coinvolgeranno grandi player come ABB, Accenture, WINDTRE, Manpower e attori accademici come Università Bocconi, Università Cattolica e Università di Bologna.

Tra i relatori: Paolo Venturi (Direttore Associazione Italiana sulla Cultura della Cooperazione del Non Profit AICCON - Università di Bologna) con il live talk “Il lavoro che genera valore” (26 maggio – ore 16.45); Experis con il talk “Il lavoro del futuro AI, digitale e nuove generazioni” (27 maggio – ore 10.30); Accenture con il talk “New skills now. Nuove competenze per superare l’incertezza e guidare il cambiamento” (27 maggio – ore 12); Jacopo Perfetti (SDA Bocconi) con “Il lavoro trasformato”(27 maggio ore 14.30); Francesco Samorè (Direttore Scientifico Fondazione Bassetti) e Daniele Piparo (responsabile Strategia, Società d’Incoraggiamento Arti e Mestieri) con “La responsabilità della formazione in tempi di pandemia” (28 maggio - ore 11.30); Roberta Turi (Segretaria generale FIOM-CGIL Milano) e Matteo Gaddi (ricercatore della Fondazione Sabattini) con “Digital labour e smartworking: i sindacati di fronte alle nuove sfide del lavoro tra tutele e diritti” (26 maggio – ore 17.15); Ivana Pais (Professoressa di Sociologia, Università Cattolica di Milano) con “L’evoluzione della Sharing Economy” (29 maggio – ore 15.15); Emiliano Sironi (Ricercatore in Statistica Demografica, Università Cattolica di Milano) con “Le competenze trasversali” ”(29 maggio – ore 16.30); Simona Bielli (Nesta) e Giulia Amico di Meane (Direttrice Talent Garden Innovation School) con “A prova di futuro: le competenze indispensabili nel mondo del lavoro di domani” (28 maggio – ore 11); Stefano Mirti (Presidente Fondazione Milano) e Carlo Antonelli (AD Fiera Milano Media) con “La lunga strada per la libertà: identità al galoppo dai mondi phygital del decennio precedente alla lunga era covidica” (28 maggio – ore 17); Simonetta Cavalieri (Founder, Social Innovation Society) e Maurizio Goetz (Imagination Design Coach) con “Il nuovo pensiero trasformato e costruzione di futuro imprenditoriale e professionale” (29 maggio – ore 16.45).

Lectio Magistralis

Nove incontri in diretta (il primo con Alessandro Rosina per l'opening) con noti nomi del panorama accademico italiano e internazionale distribuiti nei 6 giorni della manifestazione per offrire al pubblico riflessioni profonde sui temi “caldi” dell'attualità: dall'istruzione ibrida all'innovazione sociale, dalla politica alla linguistica, dalla demografia all'economia, passando per la filosofia fino alle disuguaglianze sociali.

Claudio Giunta, Professore di Letteratura Italiana all’Università di Trento, conduce il pubblico in un viaggio lungo l’evoluzione dell’italico idioma, tra paradisi e inferni linguistici, per scoprire “Come non scrivere” (26 maggio - ore 19); Felice Scalvini, tra i protagonisti della legiferazione su Cooperazione sociale e Terzo settore in Italia, espone le sue proposte per offrire un servizio civile "in rete" (e non soltanto per i giovani) legato ai destinatari del reddito di cittadinanza (“Servizio civile e reddito di base”, 27 maggio - ore 12); Ezio Manzini, tra i massimi esperti internazionali di design della progettazione, invita i partecipanti a ragionare su quali siano i motori del cambiamento già in atto nella fase post-pandemica, quali gli attrattori e quali le strategie (“Comunità ibride di luogo. Politiche del quotidiano nella fase post pandemica” – in partnership con TIM, 27 maggio - ore 19); Chiara Volpato, Professoressa di Sociologia all'Università Milano-Bicocca, partendo dal suo ultimo libro “Le radici psicologiche delle disuguaglianze” si sofferma sulle ineguaglianze sociali e digitali (“Disuguaglianze cognitive-disuguaglianze digitali” - in partnership con TIM, 28 maggio - ore 19); il filosofo Raffaele Alberto Ventura parla del futuro della società alla vigilia di una possibile rivoluzione politica per sostituire il millenario sistema democratico con un'infrastruttura nuova, preposta alla gestione delle emergenze (“Dopo la democrazia”, 29 maggio - ore 12); Susanna Sancassani, Direttrice del METIC, Politecnico di Milano, parla di didattica ibrida o “blended learning” ossia l’apprendimento che combina, integrandoli opportunatamente, momenti di apprendimento online con altri in presenza: uno scenario molto probabile nelle nostre scuole e università a partire da  settembre (“La corona di lerone e l’invenzione della didattica mista” – in partnership con TIM, 29 maggio - ore 19.00); Mauro Magatti, Professore di Sociologia all'Università Cattolica di Milano, spiega il significato di economia "generativa" per una nuova era del lavoro che crea valore e genera sviluppo (“L’economia generativa”, 30 maggio - ore 12); Cosimo Accoto, affiliato al MIT di Boston, chiude le lectio con un intervento sul “design dell’emergenza” ossia la necessità di trasformazione delle città al fine di mitigare e contrastare i rischi per la salute e l’economia (“La città morfata: tra disegno dell’emergenziale e disegno dell’emergente”, 30 maggio - ore 19).

Live Talk & Live Conference

Dal turismo alla cultura, dall’arte alla musica: ampie e diversificate sono le tematiche protagoniste dei dialoghi in diretta.

Tra questi: il 26 maggio (ore 11.30) “Il futuro del turismo” ospita il sottosegretario del Ministero dei Beni Culturali Lorenza Bonaccorsi che esamina i nuovi orizzonti del turismo tra sharing economy, piattaforme alternative e spostamenti limitati. Una live conference a cura di Music Innovation Hub vedrà i protagonisti del mondo degli eventi dal vivo confrontarsi sulle prospettive future dei modelli digitali nati nell'era del distanziamento sociale (26 maggio - ore 17.30).

I protagonisti dell’open banking dialogano nella tavola rotonda moderata da Roberto Catanzaro. Nexi, insieme a Bain, Microsoft presentano l’ecosistema per l’Open Banking per trasformare in business l’innovazione digitale (26 maggio - ore 14); “Brand Urbanism: una risorsa chiave per le città sostenibili del new normal” è il live talk proposto da IGP (26 maggio - ore 16); Intesa Sanpaolo (main partner della manifestazione) con Cariplo Factory organizza la live conference “Circular Economy Reloded. Il ruolo della trasformazione digitale per il rilancio del Paese in chiave circolare” per interrogarsi su come, alla luce della ripartenza delle attività post Covid-19, l’economia circolare possa dare forma a un mondo più resiliente, equo e sicuro per i sistemi economici ed ambientali (27 maggio – ore 11.30). TIM partecipa alla Milano Digital Week con un’edizione speciale di “Maestri d’Italia”, la più grande scuola online promossa insieme ad oltre 30 partner nell’ambito del programma Operazione Risorgimento Digitale: al mattino 5 lezioni di Edutainment per i ragazzi e nel pomeriggio 5 lezioni d’autore (dal 25 al 29 maggio).

Si affronta il tema del futuro del FinTech (smart contracts e blockchain) con lo Studio Gattai e iGenius e con Roberto Catanzaro, Direttore Business Development Nexi (27 maggio - ore 17); i ricercatori e giornalisti Philip Di Salvo e Stefania Milan dialogano di big data e conca tracing con lo scrittore e matematico Daniele Gambetta (27 maggio - ore 15); WINDTRE organizza “5G Road - Smart City Smart Life”, un viaggio tra futuro e innovazione in 4 appuntamenti live, dal 26 al 29 maggio, per riflettere su come la tecnologia 5G trasformerà le abitudini e i comportamenti, in molti ambiti della vita quotidiana: ne parlano esperti di tecnologia, scienziati e visionari, insieme ai manager di WINDTRE Stefano Takacs, Luca Monti e Francesco Barletta; Efm propone il live talk “Venture Thinking. Le città come ecosistema relazionale: dalla quantità delle connessioni, alla qualità delle relazioni. Il caso Milano, il laboratorio MIND” (29 maggio – 11.30).

Barbara Viscomi, Psicologa e Marvi Santamaria, Social Media Manager e autrice di “Tinder and the City”, discutono di dating app e relazioni al tempo della pandemia (30 maggio – ore 18.30). Le nuove competenze digitali sono al centro del dialogo tra Simona Bielli di NESTA e Giulia Amico di Meane di Talent Garden (28 maggio - ore 11.30). ABB organizza la live conference “Edifici aumentati – un’evoluzione del vivere e lavorare nelle nostre città”, un confronto tra chi osserva trend inarrestabili, come l’urbanizzazione e la digitalizzazione, per capire a quali nuove esigenze dovrà rispondere la progettazione degli spazi e delle infrastrutture del futuro. Ne parlano Giacomo Pozzi, Antropologo, Gabriele Pasqui, Urbanista, Andrea Ruckstuhl, Lendlease) e Andrea Vicario, ABB (29 maggio – ore 11); pillole quotidiane sul digitale sia in diretta Facebook che sul canale della MDW sono offerte da TeamSystem (dal 26 al 29 maggio – ore 17). Nella live conference con Davide Sisto, filosofo dell’Università degli Studi di Torino, si entra nel tema “Digital death”, analizzando il rapporto con la morte nell’era della pandemia, dai profili/erede di Facebook (il più grande cimitero del mondo) ai social network, fino ai funerali in streaming (29 maggio - ore 19), mentre Alessandro Lolli e Daniele Zinni (scrittore e filosofo l’uno, Social Media Manager e giornalista l’altro) discutono dei “meme” e della nuova era della comunicazione digitale (30 maggio - ore 20.00). Cariplo Factory in collaborazione con Generativita.it e con la presentazione del Professor Mauro Magatti, lanciano il nuovo progetto “La prossima generazione”: una chiamata a tutti i giovani under 40 con l’obiettivo di raccogliere idee e progetti per dare avvio ad una grande rigenerazione sociale, economica e culturale (30 maggio – ore 12).

Francesco Jodice, fotografo di fama internazionale, e The Cool Couple, coppia di artisti italiani in grande ascesa (Niccolò Benetton & Simone Santilli) discuteranno della “gamificazione del quotidiano”, parlandone “dall’interno” e cioè raccontandoci della possibilità di cercare una moderna forma della felicità all’interno del paesaggio-panorama dei mondi virtuali e video-ludici. L’incontro, intitolato “Happy together” è organizzato in collaborazione con Triennale Milano nell'ambito della Milano Digital Week e di Triennale Decameron (30 maggio - ore 17).

Giuseppe De Bellis, Direttore Sky Tg24, racconta l’ultima frontiera del loro tg: uno studio televisivo allestito a casa del conduttore, nell’incontro “Sky tg24 a casa: come nasce iI primo tg della Storia in diretta dal salotto” (30 maggio – ore 16.30).

Federica Pallavicini, ricercatrice dell’Università Bicocca di Milano, parla di i Mind-VR, progetto di realtà virtuale nato per sostenere psicologicamente gli operatori sanitari impegnati nella lotta al Covid-19. La tecnologia, attraverso un visore, fornisce percorsi in grado di processare gli aspetti emotivi e rendere consapevole il paziente del suo problema. Di base una migliore gestione dell'ansia, includendo anche tecniche di rilassamento e una graduale esposizione al trauma, rafforzando la psicologia e la tenuta mentale (28 maggio - ore 15.00). Si parla ancora di realtà virtuale, ma applicata al benessere degli astronauti in orbita, con Valentina Sumini, ricercatrice MIT di Boston e di realtà virtuale per i detenuti in carcere con Paolo Strano, Presidente Associazione Semi di Libertà (30 maggio - ore 11.30).

Con Mattia Guarracino, primo e-sporter italiano e giocatore ufficiale della Sampdoria, si entra nel mondo degli sport elettronici con una una sessione live di FIFA 2020 (30 maggio - ore 12).

IAB Game Changers

Un grande momento di confronto sull’attuale rivoluzione digitale tra figure di alto profilo che affrontano grandi temi da punti di vista diversi e raccontano come hanno cambiato e stanno cambiando le regole del gioco, il loro percorso e la loro visione sul mondo di domani.

Le conversazioni spaziano dalla civiltà digitale, all’innovazione energetica, dall’intelligenza artificiale all’alfabetizzazione fino al futuro dell’entertainment.

Tra gli speakers: Marco Alverà, CEO Snam, Ferruccio De Bortoli, giornalista e Presidente Advisory Board IAB Italia, Alberto Calcagno, Amministratore Delegato Fastweb, Pasquale Frega, Country President e Amministratore Delegato di Novartis Farma, Maximo Ibarra, CEO Sky Italia, Daniele Manca, vice Direttore ed editorialista del Corriere della Sera, Carlo Noseda, Presidente IAB Italia, Corrado Passera, Founder e CEO illimity, Elisabetta Ripa, Amministratore Delegato Open Fiber e membro Advisory Board IAB Italia, Agostino Santoni, Amministratore delegato Cisco, Andrea Temporiti, Global Digital Lead del Business Electrification Gruppo ABB, Marco Tronchetti Provera, Vice Executive President & CEO Pirelli, Enrico Trovati, Merchant Services & Solutions Director Nexi (26 maggio - ore 11).

Comune di Milano

L'evento di apertura realizzato in collaborazione con Anci è uno dei tre appuntamenti realizzati dell'Assessorato alla Trasformazione digitale e Servizi civici. Il secondo momento di confronto sarà su scala internazionale: “Oltre lo stato di emergenza- Come le città stanno lavorando con i cittadini per uscire dall’isolamento”, è il titolo dell'incontro organizzato in collaborazione con Lisbon Council per discutere i piani di apertura della città e la transizione ai servizi digitali (28 maggio - ore 16).

La fase 2 sarà affrontata nella tavola rotonda digitale “Diritti e tecnologie per la ripartenza” coordinata dall’Università degli Studi di Milano, con i più grandi protagonisti del digitale in Italia, da TIM ad Amazon fino a Google. Un dialogo tra policy maker, giuristi, manager di aziende che operano nei settori della tecnologia e dell’innovazione finalizzato a raccontare e immaginare nuove soluzioni per una rapida ed efficace ripartenza nel quadro dell’iniziativa “Milano 2020 Strategia di adattamento” (29 maggio - ore 15).

Ispi / Live Conference

ISPI - Isituto per gli Studi di Politica Internazionale – offre due incontri tra esperti e addetti ai lavori attorno a temi della Cybersecurity e delle Smart Cities (28 e 29 maggio - ore 17.30).

Il primo incontro (28 maggio ore 17.30) “Smart mobility e smart working: come cambiano le città dopo il Coronavirus” ha come relatori Tobia Zevi (ISPI Global Cities), Paola Pucci (Urbanistica, Politecnico) Pierfrancesco Maran, Assessore all’Urbanistica del Comune di Milano, Giacomo Lovati (Direttore Servizi Business, UnipolSai), Luigi Borrè (Presidente EuroMilano).

La pandemia del Coronavirus da almeno un paio di mesi sta rivoluzionando le nostre esistenze. La “fase 2” introduce molti cambiamenti che probabilmente diventeranno strutturali per un periodo medio-lungo. O forse per sempre. A livello urbano, distanziamento sociale e nuove modalità di lavoro rendono la mobilità una sfida difficilissima da affrontare e apre progettualità molto sfidanti.

Nel secondo incontro “Lotta al Covid-19: il nodo “privacy vs sicurezza” (29 maggio - ore 17.30) si discute di privacy al tempo della pandemia, con ospiti internazionali tra cui Mariarosaria Taddeo (Ricercatrice, Oxford Internet Institute), Stefano Mele (dipartimento Diritto delle Tecnologie, Carnelutti Studio Legale), Fabrizio Gergely (System Engineering, Manger Cisco).

Università e Accademia

Alla Milano Digital Week edizione on line ha confermato la partecipazione la maggior parte del sistema accademico del territorio: Accademia di Belle Arti di Brera, IULM – Libera università di lingue e comunicazione, NABA, Nuova Accademia di Belle Arti, IED - Istituto Europeo di Design, Politecnico di Milano, Università Cattolica del Sacro Cuore, Università degli Studi di Milano.

Tanti e di qualità gli eventi digitali proposti. Tra questi: IED - Istituto Europeo di Design mostra, attraverso una video conference, sette progetti di installazioni interattive realizzati prima dello scoppio della pandemia nell’ambito dei corsi della Scuola di Arti Visive IED Milano. Un momento di confronto per ripensare alla comunicazione video, ai media e al messaggio, ora che le tecnologie digitali sono diventate il mezzo preponderante di interazione tra le persone (“Behind Technologies….and Beyond”). L’Università Cattolica del Sacro Cuore di Milano organizza, tra gli altri, il workshop “Nuove professioni per nuovi contesti editoriali” (27 maggio – ore 18) per esaminare come stanno cambiando i modelli organizzativi delle imprese editoriali e della comunicazione. Un dialogo a più voci per comprendere il cambiamento e trasformarlo in opportunità. Degno di nota il live talk ideato dall’Università degli Studi Milano in collaborazione con SAP Italia e Associazione Women&Tecnologies con titolo “Trasformazione digitale e politiche industriali in Europa” (29 maggio – ore 14.30): un momento importante di confronto per aiutare i giovani a comprendere i principali trend del digitale e sviluppare interessi e idee di business per entrare più preparati nel mondo del lavoro.

“Better services for better futures” è l’evento live organizzato dal Politecnico di Milano (27 maggio - ore 18.00) per un confronto su come si possano progettare servizi in grado di contribuire positivamente alla società del futuro con modelli sostenibili, partecipativi, aperti e collaborativi. L’Accademia delle Belle Arti di Brera, con il coordinamento di Anna Maria Monteverdi presenta il live talk “(un)Limited edition. Dialoghi sull’arte digitale” (26 maggio – ore 18.00): un dialogo tra curatori, artisti e performer digitali dedicato alla memoria dell’artista multimediale e “artivista” Giacomo Verde, recentemente scomparso. L’Università IULM è presente nel palinsesto con “Milan Machinima Festival”, rassegna internazionale di cortometraggi d’avanguardia realizzati con videogiochi. NABA,  Nuova Accademia di Belle Arti con l’evento “Scenari futuri digital gallery” offre una disamina sui brand e su come orientino stili e scelte di vita in base ai valori di cui sono rappresentanti e promotori. Ma quale sarà lo scenario futuro dei brand? Come dovranno riposizionare le proprie strategie di progettazione e comunicazione post pandemia?.

Laboratori per bambini

Nel vasto programma on line la giornata di sabato 30 maggio è dedicata ai più piccoli con laboratori digitali interattivi dedicati a diversi temi che spaziano dalla robotica alla storia, dalla produzione musicale alla realtà virtuale.

Il MUBA – Museo dei Bambini offre due laboratori digitali: il primo in collaborazione con la Scuola di Robotica di Genova per i bambini dai 4 ai 7 anni: un gioco digitale interattivo e coinvolgente per entrare nel mondo del coding unplugged e dei suoi linguaggi. In un susseguirsi di missioni e indovinelli ii bambini imparano quali sono i colori primari, come si formano i colori secondari e dove e quando si incontrano nel mondo intorno a noi.

Il secondo é un laboratorio musicale, in collaborazione con Ricordi Music School, per bambini dai 6 agli 11 anni per imparare a comporre e cantare una canzone con le tecnologie digitali. I bambini incontrano in una lezione on line individuale Giorgio Robustellini, sassofonista e docente di composizione e improvvisazione per bambini alle Ricordi Music School. Insieme, con un nuovissimo gioco da lui ideato per l’occasione, compongono una base su cui scrivere il testo e cantare la propria canzone. I videoclip realizzati da tutti i partecipanti con interviste ai bambini sull’esperienza vissuta e sul significato delle loro creazioni sono presentati sabato 30 maggio (ore 14).

Non manca, anche in questa edizione, la presenza del MUST – Museo della Scienza e della Tecnologia con l’evento on line "Il relitto del Titanic - Storie dalla Realtà Virtuale”. Accompagnati da Marco Iezzi, curatore del Museo, i piccoli esploratori scoprono il relitto che giace a quasi 4.000 metri di profondità grazie a una fedele riproduzione virtuale realizzata a partire da fotografie e dati rilevati dai ricercatori dall’anno del suo ritrovamento (1985) a oggi. Nel corso del live con un mini sottomarino a comando remoto alla scoperta dei misteri del Titanic che riposa nel “più grande museo sulla terra” come Robert Ballard, scopritore del relitto, definì l’oceano (30 maggio – ore 15).

Il party finale

Il primo concerto in streaming con pubblico pagante in Italia è l’evento conclusivo di questa variegata maratona digitale. Organizzato in collaborazione con Dice (la piattaforma di ticketing che ha rivoluzionato la digitalizzazione dei biglietti e che ha fondato, in risposta al Covid 19, una web Tv che porta concerti sui piccoli schermi, Dice Tv) Radar Concerti e Asian Fake con un biglietto da pagare, ma a un prezzo popolare e simbolico, arriva il concerto con Venerus, uno degli artisti più eclettici e particolari della scena indipendente. Un mix di jazz, soul, black music e un pizzico di elettronica: un misto avvincente e curioso che Internazionale ha definito come “una delle cose più interessanti successe alla musica italiana”. Il concerto è trasmesso dal Padiglione Ferroviario del Museo Nazionale Scienza e Tecnologia, una suggestiva location costruita come una tipica stazione liberty italiana che racconta cento anni di evoluzione del trasporto su rotaia a partire dalla seconda metà dell'800 (30 maggio - dalle 21).

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Manifestazioni, potrebbe interessarti

  • Aperture 2020 - Centrale idroelettrica alessandro Taccani

    • Gratis
    • dal 8 marzo al 4 ottobre 2020
    • Centrale Enel Alessandro Taccani
  • Salone del Mobile e Fuorisalone 2020: le nuove date di giugno

    • Gratis
    • dal 15 al 21 giugno 2020
    • Milano
  • Milano Digital Week 2020: il programma con 500 eventi on-line

    • Gratis
    • dal 25 al 30 maggio 2020

I più visti

  • A Milano il primo Cinema in un luogo incredibile

    • dal 13 gennaio al 7 giugno 2020
    • Piscina Cozzi
  • Casa Boschi di Stefano, tornano le visite guidate gratis

    • dal 19 ottobre 2019 al 6 giugno 2020
    • Casa Museo Boschi di Stefano
  • 'Storie milanesi', 180 anni di vita, musica e teatro in mostra alla Scala

    • dal 8 novembre 2019 al 30 maggio 2020
    • Museo Teatrale alla Scala
  • Nei punti vendita di Milano e San Giuliano Milanese, ti aspetta qualcosa di buono

    • Gratis
    • dal 4 maggio 2020 al 4 maggio 2021
    • Milano (Viale Marche, 97), San Giuliano Milanese (Via Trieste, 56)
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    MilanoToday è in caricamento