Presentazione di «Milano in mano»: il 30 marzo al civico acquario

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di MilanoToday

«Milano in Mano» di Guido Lopez e Silvestro Severgnini: la nuova edizione della più celebre guida della città torna in libreria per Expo.

30 marzo 2015 - ore 18 al Civico Acquario (via Gadio, 2) il convegno «Cinquant'anni di Milano in mano» con Filippo Del Corno, Maurizio Savoja, Gillo Dorfles, Carlo Bertelli, Carlo Tognoli, Luisa Finocchi, Giovanna Negri, Fiorenza Mursia, Fabio Lopez. Letture di Umberto Ceriani e Andrea Lopez. Con il patrocinio del Comune di Milano

A cinquant'anni dalla prima edizione torna in libreria in edizione aggiornata «Milano in mano», la più celebre guida al capoluogo lombardo scritta dallo scrittore e giornalista Guido Lopez con Silvestro Severgnini. Edita da Mursia, prima edizione 1965 «Milano in mano» è un vero e proprio monumento cartaceo che racchiude storia, politica, arte, personaggi di venti secoli di storia milanese. Nei quattordici itinerari, dal centro storico alle periferie, c'è il racconto di una città in perenne mutazione con tutte le sue bellezze, le sue contraddizioni, e i suoi angoli segreti che conservano le memorie del passato e le tracce del futuro: Sant'Ambrogio e San Carlo Borromeo, il dominio dei Visconti e degli Sforza, Leonardo e Bramante; i maestri della musica, da Verdi a Toscanini, e i grandi letterati, dal Beccaria al Manzoni; il Novecento dei Futuristi e degli uomini d'industria, da Mattei a Pirelli. È anche storia politica, dall'Impero al Comune, alle Signorie, attraverso la lunga età delle pestilenze e delle dominazioni straniere fino alle Cinque Giornate, dai bombardamenti all'aprile del '45, dal Sessantotto a Tangentopoli e al nuovo millennio; storia artistica e culturale, dalle basiliche ambrosiane al Rinascimento e al Barocco, dall'Illuminismo al Liberty, dal melodramma alle regie di Strehler, dalla Triennale a Expo 2015; storia economica, di commerci e industrie pesanti, da Piazza Affari al Quadrilatero della Moda; storia di grandi e piccoli mutamenti, dalla Mediolanum romana ai grattacieli e alle costruzioni avveniristiche di Porta Nuova e della Fiera di Rho-Pero.

«La nuova edizione è stata una sorta di restauro di un monumento di parole», dice Fabio Lopez, curatore della nuova edizione «mio padre, Guido Lopez, aveva cominciato i lavori ma purtroppo il cantiere editoriale si è interrotto nel 2010 con la sua morte. Ci sono voluti due anni di lavori, ma grazie all'archivio che ha lasciato e alle sue indicazioni siamo riusciti ad aggiornare i testi e a essere pronti per il grande appuntamento dell' Expo. Quella che consegniamo alla città è un'opera completa che nello stile e nello spirito della prima edizione racconta anche le novità architettoniche, urbanistiche, politiche, di costume, storiche degli ultimi tre lustri di vita milanese»

Per presentare alla città la nuova edizione si tiene il 30 marzo alle ore 18 il convegno- incontro «Cinquant'anni di Milano in mano e Guido Lopez» presso il Civico Acquario in via Gadio, 2 - Milano ( ingresso libero fino a esaurimento posti). Al convegno, che ha il patrocinio del Comune di Milano, partecipano Ferruccio De Bortoli, Filippo Del Corno, Maurizio Savoja, Gillo Dorfles, Carlo Bertelli, Carlo Tognoli, Luisa Finocchi, Giovanna Negri, Fiorenza Mursia, Fabio Lopez. Letture di Umberto Ceriani e Andrea Lopez.

Gli autori di «Milano in mano».

Guido Lopez (1924-2010), giornalista, scrittore e storico, esponente di spicco della società civile milanese e della comunità ebraica cittadina, ha lavorato in agenzie pubblicitarie, alla Mondadori - dove i suoi compagni di scrivania erano Vittorini, Calvino, Bettiza, Moretti - e poi a «Epoca», «Il Giorno», «la Repubblica» e «Diario». È stato insignito dell'Ambrogino d'oro dal Comune di Milano e della Medaglia d'oro della Provincia di Milano. Dal 1971 al 2002 è stato presidente dell'Università Popolare di Milano. Con Mursia ha pubblicato Leonardo e Ludovico il Moro (1982), Festa di nozze per Ludovico il Moro (2008) e Breve storia di Milano (2012). Il suo archivio è riconosciuto d'interesse nazionale dal 2014.

Silvestro Severgnini (1906-2006), grande promotore della cultura musicale meneghina, dal Servizio Promozione Culturale della Scala al Centro Culturale Pirelli, ai «Pomeriggi Musicali», alla «Società Umanitaria» e a «Milano Musica», nel 1977 è stato insignito dell'Ambrogino d'oro. Con Mursia ha pubblicato Invito all'ascolto di Puccini (1984).

Il curatore dell'edizione 2015

Fabio Lopez (Milano, 1953), architetto, ha un'esperienza di gestore del territorio: è stato per ventidue anni direttore del Parco delle Groane, trasformando un luogo di abbandono e delinquenza in un'area protetta d'importanza comunitaria; si è occupato di parchi di cintura metropolitana e di mobilità ciclistica in Provincia di Milano ed è stato direttore del settore Ambiente durante la brevissima vita della Provincia di Monza e Brianza; coordina il progetto ciclabilità del Comune di Milano.

Torna su
MilanoToday è in caricamento