menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcalendarcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcasesunnysuncloudwhitecloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfograinlightblackcloudsleetsnowcelsiuslock-openlog-outeditfiletrophy

← Tutti gli eventi

Una delle opere di Modigliani presenti alla mostra
Mostre

Mostra "Modigliani, Soutine e gli artisti maledetti" a Milano

    • Palazzo Reale
    • Dal 21/02/2013 Al 08/09/2013 Ore 9.30-17.30 (lunedì chiuso)
    • Da 4 a 11 euro, comprensivo di audioguida
    Mappa
    Piazza del Duomo · Milano Duomo

    Torna la grande arte a Palazzo Reale, dopo lo strepitoso successo della kermesse su Picasso. La mostra, "Modigliani e gli artisti di Montparnasse", a cura di Marc Restellini, presenta 122 opere di straordinaria bellezza di Amedeo Modigliani e degli artisti che vissero e dipinsero a Montparnasse agli inizi del ‘900: per la prima volta in Italia i capolavori appartenenti alla ricca collezione di Jonas Netter (Strasburgo 1868 - Parigi 1946), acuto riconoscitore di talenti, senza il quale probabilmente non sarebbero stati scoperti né Modigliani né Soutine né Utrillo.

    INFORMAZIONI E VISITE GUIDATE

    Questi artisti dipinsero durante gli “anni folli” del noto quartiere parigino, che fu centro culturale di avanguardia per via della presenza dello stesso Modigliani - ultimo dei pittori maledetti - e di Chagall, di esiliati politici come Lenin e Trotsky e degli americani Hemingway e Miller, nonché per la ricercata atmosfera bohémienne che caratterizzò questo luogo.

    Quasi un “mecenate”, ispirato e geniale insieme, Netter fu un amatore discreto dell’opera di artisti da lui scoperti, Modigliani, Soutine, Utrillo, Valadon, Kisling e molti altri come Krémègne, Kikoïne, Hayden, Ébiche, Antcher e Fournier. Di Modigliani - protagonista della mostra - sono esposti dipinti tra cui Elvire au col blanc (Elvire à la collerette) (1917-18), Fillette en robe jaune (Portrait de jeune femme à la collerette) (1917), e Portrait de Zborowski (1916), accanto a oltre venti oli di Soutine - una mostra dentro la mostra - per illustrare la storia degli esordi di coloro che in quell’epoca rappresentarono la Scuola di Parig.



    Commenti (3)

    • Avatar anonimo di mario
      mario

      Mostra eccelsa sia come qualità e quantità d'opere, che come percorso "didattico". Unica pecca la mancanza di posti a sedere nella sala audio.

    • Avatar anonimo di pepi
      pepi

      Poi vorrei aggiungere la mia riprovazione per quel "maledetti" che non si addice affatto a quel gruppo di geniali Artisti che caso mai furono solo "benedetti" dalla sorte che li dotò di eccelse qualità! Maledetti, caso mai, furono coloro che non li capirono, non li apprezzarono e non li aiutarono... Carlo PEPI

    • Avatar anonimo di PEPI CARLO
      PEPI CARLO

      Restellini si era accorto che Modiglianoi stava producendo più da morto che quando è stato in vita? Carlo PEPI

    Eventi Popolari

    Torna su