Omaggio a Zelda e Scott Fitzgerald

L’intensa e tragica storia di Francis Scott e Zelda Fitzgerald sarà al centro della retrospettiva in programma Zig Zag, San Donato Milanese (via Libertà, 10, telefono 025272125), sabato 20 ottobre 2018, a partire dalle ore 17. Protagonisti di un’indimenticabile stagione, dal 1920 al 1934, rivendicata come l’età del jazz, Francis Scott e Zelda Fitzgerald hanno alimentato la leggenda di uno stile di vita brillante, effervescente e dissoluto, principali rappresentanti e anfitrioni di quella che chiamarono “l’umanità in una nebbia blu marino, intenta a comprarsi un lusso”. Nel periodo compreso tra le due guerre mondiale, che vide l’emersione della modernità attraverso il telefono, l’automobile, l’aereo, i Fitzgerald fomentarono una vena narrativa attingendo a piene mani dalle loro esperienze autobiografiche. L’autore principale fu naturalmente Francis Scott con quattro romanzi (Di qua dal paradiso, Belli e dannati, Il grande Gatsby e Tenera è la notte) e una moltitudine di racconti, ma la fonte a cui attingeva era il suo matrimonio tanto che Zelda arrivò a commentare: “Mi è parso a un certo punto di riconoscere un pezzo di un mio vecchio diario misteriosamente scomparso poco dopo il mio matrimonio e anche brani di lettere che, sia pure molto rimaneggiate, mi suonano vagamente familiari. In realtà pare che mister Fitzgerald ritenga che il plagio debba cominciare in famiglia”. La complicità dei coniugi americani fu, nei momenti più felici, scintillante e contagiosa: sulla Costa Azzurra erano l’epicentro di una festa infinita che aveva ospiti di riguardo, come Picasso e Cole Porter, e li vedeva “tutti perduti nella nullità della bellezza spietata”. Con il passare degli anni, la decadenza fu inevitabile: l’ambizione irrisolta di Francis, l’alcol a fiumi, la vita costantemente al di sopra delle proprie possibilità portarono ai primi dissidi coniugali e furono gli elementi in cui emerse la schizofrenia di Zelda, diagnosticata per la prima volta a Parigi nel 1930. I contrasti proseguirono mentre lei entrava e usciva dalle cliniche psichiatriche e lui lavorava come sceneggiatore a Hollywood, con scarsi risultati e fino alla sua scomparsa, nel dicembre del 1938, per un attacco cardiaco. Zelda se andò dieci anni dopo, vittima dell’incendio che devastò l’ospedale dove era ricoverata. L’incontro è libero e gratuito, con degustazione enologica finale, si raccomanda sempre la puntualità. Per ulteriori informazioni: www.zigzaglibricd.com.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • Corso di teatro per bambini a Milano - Lezione di prova

    • Gratis
    • dal 25 settembre 2018 al 28 maggio 2019
    • Spazio TeatRing
  • Annunciata la stagione 18/19 del Teatro della cooperativa

    • Gratis
    • dal 10 ottobre 2018 al 23 giugno 2019
    • Teatro della Cooperativa
  • Parsons Dance: da venerdì 1 a domenica 3 marzo al Teatro Nazionale CheBanca!

    • dal 1 al 3 marzo 2019
    • Teatro Nazionale CheBanca!

I più visti

  • Cripta di San Sepolcro a Milano, la magia dei ritrovamenti dei restauri: le visite notturne

    • dal 21 agosto 2017 al 30 aprile 2019
    • Cripta di San Sepolcro
  • Al Mudec di Milano la mega mostra su Banksy (senza l'autorizzazione dello stesso Banksy)

    • dal 21 novembre 2018 al 14 aprile 2019
    • Mudec
  • Il percorso dei segreti della Cà Granda tra documenti antichi e 150.000 scheletri

    • dal 27 gennaio 2018 al 30 giugno 2019
    • Cà Granda
  • Aperitivo gratuito in vigna sui tetti della Galleria

    • dal 13 ottobre 2018 al 31 luglio 2019
    • Highline Galleria
Torna su
MilanoToday è in caricamento