Piero Fogliati, "Eterotopia": in mostra alla galleria Dep Art

Inaugura giovedì 23 giugno, presso la nuova sede della galleria Dep Art, la mostra dedicata a Piero Fogliati dal titolo "Eterotopia". La mostra monografica dedica all'artista, da poco scomparso, una retrospettiva con opere dagli Anni '70 all'ultimo periodo. Un percorso che si articola tra i suoi soggetti più famosi, tra i quali Euritmia evoluente, Latomia, Liquimofono, Reale virtuale, Prisma meccanico, Fleximofono, Forme di buio e Macchina che respira.

Ancor più che opere d'arte, quelle di Piero Fogliati ci appaiono come le invenzioni di un visionario che si è nutrito di sogni. Sogni troppo grandi per un uomo solo. Dagli anni Sessanta Fogliati ha infatti iniziato a concepire una Città fantastica in cui l'ebbrezza meccanica generava "esperienze sensoriali" nelle persone. Molte delle sue intuizioni sono purtroppo rimaste sulla carta: Fissazioni - come amava chiamarle lui - che si esprimono in poche linee e qualche parola.

Assumendo lo spettatore a guisa di ricettore, Fogliati ne mette alla prova le dinamiche visive e le facoltà cognitive; molte sue opere si basano sul "principio percettivo autonomo", ossia sui movimenti saccadici dell'occhio, che sono involontari. Con queste opere Fogliati si avventura in uno spazio animato da enigmi sensoriali, i cosiddetti fantasmi che possiamo intercettare grazie a una persistenza retinica. Una delle invenzioni più famose di Fogliati è la luce sintetica, altrimenti detta "luce fantastica" che resta bianca a contatto con un corpo statico, scomponendosi viceversa nei colori dell'arcobaleno quando illumina un corpo in movimento.

Affrancando il colore dal supporto pittorico, Fogliati si è sempre avvalso di dispositivi elettromeccanici che avverano una "pittura dell'aria". Uno spazio potenziale, depositario di meraviglie e delizie, dove linee e volumi fluttuano per poi dissolversi. Le investigazioni percettive di Fogliati sono la summa di una felice commistione tra arte, scienza e tecnologia, capace di ottenere un "magico processo" che non tutti sono in grado di comprendere nella sua totalità.

Completa la mostra un catalogo bilingue italiano ed inglese con testo critico di Alberto Zanchetta.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • Parte il Drive-in di Milano: come prenotarsi e quali film vedere

    • fino a domani
    • dal 24 giugno al 5 luglio 2020
    • Parco Nord
  • Cosa fare nel weekend a Milano: mostre e biglietti scontati fino al 40%

    • dal 1 al 30 luglio 2020
  • L’arte di raccontare storie senza tempo, la mostra sui film Disney arriva al Mudec

    • dal 19 marzo al 13 settembre 2020
    • Mudec
  • 'Stanze piene di scarabei' e mummie: a Palazzo Reale arriva la mostra su Tutankhamon

    • dal 5 marzo al 30 agosto 2020
    • Palazzo Reale
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    MilanoToday è in caricamento