Il premio giornalistico sul "dopo di noi"

Il 23 febbraio, a Milano, si tiene la cerimonia di premiazione dell’ottava edizione del Premio Benedetta D’Intino. Si parlerà della legge “Dopo di noi”.

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di MilanoToday

Va a tre giornaliste il primo posto dell'ottava edizione del Premio Benedetta D'Intino, sul tema "Che sarà dopo? Idee, preoccupazioni, speranze: come vorrebbero il futuro le famiglie con figli disabili". Chiara Ludovisi, prima classificata per la categoria articoli, ha raccolto i consensi della giuria con l'inchiesta "La legge che abbiamo tanto atteso ci tutelerà?", pubblicata sulla testata SuperAbile Magazine ad aprile 2016. Alice Bellincioni e Giulia Paltrinieri hanno convinto invece per la categoria servizi con lo speciale radiofonico "Dopo di noi", andato in onda sulla radio della Scuola di giornalismo radiotelevisivo di Perugia, per la testata Quattro colonne, il 29 febbraio 2016. La premiazione si terrà giovedì 23 febbraio, presso la Sala Monicelli della Fondazione Benedetta D'Intino, in via Sercognani 17, a Milano, alle ore 11.00. Della legge "Dopo di noi", di giornalismo, di filantropia e di disabilità parleranno, da diversi punti di vista, Elena Andreucci, direttrice dell'Istituto Leonarda Vaccari, Nicola Corti, segretario generale di Fondazione Allianz UMANA MENTE, Ferruccio De Bortoli, presidente di Vidas, Giangiacomo Schiavi, editorialista del Corriere della Sera, Stefania Ucelli, direttrice di Cascina Rossago. "Il premio Benedetta D'Intino è da diversi anni un appuntamento importante per la Fondazione. Il ruolo del mondo dell'informazione nel campo della solidarietà sociale e dei diritti è infatti fondamentale per la diffusione di una cultura della disabilità" sostiene Mattia Formenton, presidente della Fondazione Benedetta D'Intino. La Fondazione opera dal 1992 per migliorare la qualità della vita di bambini e adolescenti con disagio psicofisico e disabilità comunicative, attraverso il Centro di Milano e quelli esteri, in Bolivia e in India. Paola Ratclif Ufficio Stampa Fondazione Benedetta D'Intino paola.ratclif@benedettadintino.it 02/39263940

Torna su
MilanoToday è in caricamento