homemenulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsapptelegramcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius epifaniacarnevalesan-valentinofesta-donnafesta-papapasqua1-maggiofesta-mammaferragostohalloweennatalecapodannochildrenlocation-maps

Springsteen strega Milano

Il Boss ha regalato oltre tre ore e mezza di show ai suoi fan. I presenti: "È stato bellissimo!"

Una foto del concerto (markin27 Instagram)

Bruce Springsteen è il "Boss". Nessun termine lo definisce meglio di quelle quattro lettere, l'ennesima dimostrazione è avvenuta lunedì sera a Milano quando il ragazzaccio di Long Branch ha regalato ai suoi fan un concerto memorabile: durato quasi tre ore e mezza (in un video un dolcissimo duetto con una bimba salita sul palco).

Quando Bruce è salito sul palco le sue prime parole sono state: "Ti amo San Siro. Ti amo Milano. Ti amo Italia". Frasi semplici, ma che hanno scaldato il cuore dei presenti. 

La scaletta è subito andata a farsi benedire. Per un'ora il Boss ha "preso ordinazioni dal pubblico", suonando le canzoni che venivano suggerite dai presenti tramite i consueti cartelloni. Successivamente si è creato un buco spazio-temporale a San Siro: dall'impianto audio sono uscite tutte, ma proprio tutte, le note delle canzoni di Born in the Usa, album uscito nel lontano 1984. Mentre nella restante parte di concerto, lo ribadiamo: è durato oltre tre ore, è stato il momento dei grandi classici come Born to run.

Il grande show, perché non ci sono altre parole per definirlo, si è concluso "uno contro migliaia": Boss, con una armonica, ha stregato l'oceano di persone che hanno riempito il tempio del calcio temporaneamente prestato ad un Dio della musica rock. Una scena memorabile, destinata a diventare storia.

"Il bello è che non sei mai seduto: sei sempre in piedi a cantare e ballare", ci racconta Andrea, 25 anni che ha seguito il concerto con suo padre Luciano. Sì, perché il Boss riesce a parlare a qualsiasi uomo-ragazzo-bambino, diverse famiglie hanno partecipato al concerto e "nessuno è andato a casa insoddisfatto — conclude Andrea — è stato davvero bello".

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (5)

  • Avatar anonimo di Andrea
    Andrea

    Long Branch???????? E' come scrivere che Vasco è di Nocera Umbra...ahahahahahahahahah...mamma mia che strafalcione!!!   

    • Avatar anonimo di paolo
      paolo

      non è sempre necessario commentare ma se proprio lo vuoi fare caro Andrea, almeno parla di cose che conosci.  

  • Avatar anonimo di morrovalle
    morrovalle

    Per la precisione il concerto è iniziato alle 20:15. Primo pezzo, subito per scaldare i cuori: Land Of Hope And Dreams.

Notizie di oggi

  • San Siro

    San Siro: tentano di sgomberare alloggio, gli abusivi aggrediscono poliziotti e ispettori

  • Cronaca

    L'asilo è sotto sfratto perché i bambini "fanno chiasso": e i piccoli protestano in silenzio

  • Cronaca

    Bullismo al carcere minorile: tre detenuti denunciati dagli agenti

  • Incidenti stradali

    Incidente in via Padova, scontro tra auto dei carabinieri e uno scooter: ferito un 28enne

I più letti della settimana

  • "Dettagli di storia": la presentazione del libro sulle meraviglie di Milano

  • Cosa fare a Milano il weekend dall'1 al 3 luglio

    Torna su
    MilanoToday è in caricamento