Mostra design #boscorizzontale c/o Garibaldi Connection

Una passeggiata ideale nel design, raccontando un bosco come ecosistema di più autori che, in modo orizzontale, si relazionano tra di loro condividendone la filosofia

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di MilanoToday

GARIBALDI CONNECTION APPUNTAMENTO AL FUORI SALONE DEL MOBILE DI MILANO 2018 COCKTAIL INAUGURAZIONE 16 APRILE dalle 18.00 alle 22.00 Nato da un' idea di Cristina Prinetti e Marinella Campagnoli, Garibaldi Connection è un luogo dove i designer e le nuove idee si incontrano. Marinella Campagnoli ha maturato la sua esperienza nella comunicazione,  Cristina Prinetti nel graphic design. Sua è la fortunata collezione di imbottiti Onetwothree. Insieme progettano e realizzano gli eventi di Garibaldi Connection Garibaldi Connection per il fuoridisalone 2018 presenta #boscorizzontale In una passeggiata ideale nel design, raccontiamo un bosco come ecosistema di più autori che, in modo orizzontale, si relazionano tra di loro condividendone la filosofia. L’allestimento, curato da Francesca Paolucci e Gouache, in un gioco di interazione tra natura e pittura, porta il bosco all’interno dello spazio espositivo, sviluppando un ecosistema per i designer che lo abitano. Francesca Paolucci, con Verdeprofilo, crea un equilibrio dinamico tra organismi viventi e non, attraverso l’utilizzo di piante per interni in idrocultura e pareti di MOS ® Alice e Carlotta di Gouache con colori e pennelli raccontano il bosco…C’era una volta… Cristina Prinetti attraverso il gioco, la trasformazione e la composizione, dà alle sue creazioni forme e utilizzi differenti. Andrea Carettoni, utilizzando diverse essenze di legno, crea dei moduli che evocano ripetitività e differenziazione presenti in natura ad ogni livello. Mamate plasma l’argilla creando oggetti unici, così come le forze della natura scolpiscono la roccia. Agnese Micheluzzi modifica la materia con processi naturali, recuperando e ossidando metalli, regalando loro nuova vita in forma di cornici. Giampaolo Tibaldo utilizza la lana con colori naturali per tappeti dai disegni contemporanei. Paola Mirai racchiude semi trattati come gioielli, proteggendoli in un acetabolo di resina. Giulia Barela interpreta la natura attraverso i suoi originali gioielli realizzati con l'antica tecnica della fusione a cera persa.

I più letti
Torna su
MilanoToday è in caricamento