Arco: il trofeo città di Milano inaugura la stagione all’aperto

Domenica 7 aprile si è svolto il XII Trofeo Città di Milano, torneo nazionale, che tradizionalmente inaugura la stagione all'aperto del Tiro con l'Arco, che quest'anno ha richiamato oltre 100 arcieri, tra i più forti in Italia. Sul podio gli arcieri di San Donato Milanese. (nella foto, Riccardo ed Andrea Gottardini, Pietro Nardón, Oro a Squadre)

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di MilanoToday

Domenica 7 aprile oltre 100 atleti hanno gareggiato per il Trofeo Città di Milano, gara che annualmente inaugura la stagione all'aperto del Tiro alla Targa. Teatro dell'evento, giunto quest'anno alla XII edizione, è stato il campo degli Arcieri San Bernardo, struttura di eccellenza, con oltre 40 piazzole di tiro, in via Feltrinelli 12, Milano, al confine con San Donato Milanese.

Il Trofeo Città di Milano è l'appuntamento atteso con trepidazione dagli atleti, che possono finalmente liberare la potenza e precisione dei loro archi, gareg­giando sulle lunghe distanze. Al tempo stesso, una certa apprensione accompagna il primo banco di prova per gli allenamenti e la messa a punto invernale del materiale, vuoi per l'incognita rappresentata dalle mutevoli condizioni meteorolo­giche di inizio primavera, vuoi per la tipologia di gara, denomi­nata "Star", la più impegnativa sotto il profilo tecnico e fisico, nella quale gli atleti, dal primo mattino al tardo pomerig­gio, scoccano un totale di 144 frecce, a distanze tra i 30 e i 90 metri.

I Vincitori Al termine di una gara che non ha fatto registrare punteggi record, complice un avvio piovoso e freddo, poi riscattato da ampie schiarite ed infine dal sole, sono saliti sul gradino più alto del podio, i seniores Francesco Sistopaolo (Arcieri Oscar, Novara) e Simonetta Gregori (Arcieri Torrevecchia, Roma); per la divisione compound, Federico Pagnoni (Arcieri Fran­ciacorta, Brescia) e Francesca Vailati (Arcieri Tre Torri, Va­rese). Tra i master, il miglior piazza­mento degli archi olimpici è stato ottenuto da David Baron (Arcieri Tre Torri, Varese) e, tra gli specialisti del compound, da Francesco Calautti (Arco Milano 3) e Amalia Stucchi (Arcieri di Malpaga, Bergamo).

Il Settore giovanile ha fatto registrare ottime presta­zioni, confermando anche sulle lunghe distanze i protagonisti della stagione indoor. Salgono sul gradino più alto del podio, nella divisione arco olimpico e nelle rispettive classi di età, Gaia Rota (Arcieri Alto Sebino, Bergamo), Andrea Ar­tico (Arcieri del Roccolo, Cane­grate), Tanya Giaccheri (Arcieri del Sole, Solaro), Andrea Got­tardini (Arcieri San Bernardo) ed Eleonora Grilli (Arcieri Monica, Gallarate). Nelle classi dell'arco compound, vincono Emanuele Rota (Arco Milano 3), Erika Bonetti (Arcieri Alto Sebino) e Matteo Rugiero (Ar­cieri Castiglione Olona).

Arcieri San Bernardo in evidenza, per l'eccellente orga­nizzazione e per i risultati spor­tivi. Si aggiudica l'oro, la Squadra Seniores Femminile, composta da Roberta Branchi (bronzo nella competizione individuale), Dangeruta Nosa­liene e Chiara Zuffada. Tra i ragazzi, in evidenza gli arcieri sandonatesi, con la vittoria individuale di Andrea Gottardini, la terza e la quarta posizione rispettivamente di Pietro Nardón e Ric­cardo Gottardini, nonché, in l'oro nella competizione a squadre. Completano il bottino della Compagnia, il record personale di Fabio Bertani e l'ottimo esordio di Michele Calori, "giovanissimo" cimentatosi nella categoria superiore dei ragazzi.

Nella foto, la Squadra Ragazzi vincitrice del Trofeo, Riccardo Gottardini, Andrea Gottardini (oro individuale), Pietro Nardon (bronzo individuale)

Torna su
MilanoToday è in caricamento