Incontro geologi a Milano: "Servono 44 miliardi per mettere in sicurezza il patrimonio immobiliare italiano"

Incontro al Made Expo Milano con il Presidente CNG Francesco Peduto, Marco Amanti, dirigente ISPRA, Paolo Augliera, direttore Sezione Milano INGV, Giovanni Azzone, coordinatore Casa Italia, Dario Fossati, direttore vicario dell’assessorato al Territorio, Urbanistica, Difesa del suolo e Città Metropolitana della Regione Lombardia. Presenti anche Gaetano Butticè, presidente dell’Ordine dei Geologi Regione Lombardia e la deputata Raffaella Mariani

Peduto, Azzone e Giovine durante il convegno

La sicurezza sismica degli abitati come esigenza collettiva di carattere primario, il programma di prevenzione, gli indirizzi e le linee programmatiche per la ricostruzione, l’adozione del fascicolo del fabbricato e la certificazione sismica degli edifici. Questi sono stati i temi al centro del dibattito, organizzato dal Consiglio Nazionale dei Geologi, che si è svolto venerdì 10 marzo alle 11.30 al Made Expo di Milano.

A moderare il convegno è stato il vicepresidente del CNG Vincenzo Giovine, tra gli invitati: il Presidente CNG Francesco Peduto, Marco Amanti, dirigente ISPRA, Paolo Augliera, direttore Sezione Milano INGV, Giovanni Azzone, coordinatore Casa Italia, Dario Fossati, direttore vicario dell’assessorato al Territorio, Urbanistica, Difesa del suolo e Città Metropolitana della Regione Lombardia. Presenti anche Gaetano Butticè, presidente dell’Ordine dei Geologi Regione Lombardia e la deputata Raffaella Mariani. “Nel confronto con Giovanni Azzone e Raffaella Mariani - ha detto il Presidente del CNG, Francesco Peduto - abbiamo evidenziato non solo le positività dell’azione di governo e di Casa Italia, ma anche le criticità per fare una corretta politica di prevenzione. Criticità che vertono sulle conoscenze di base: mancanza di una carta geologica nazionale avviata e mai terminata, necessità di potenziare la microzonazione sismica che è in grave ritardo rispetto alle azioni di prevenzione che si stanno mettendo in atto”.

La difficoltà – per il presidente CNG – riguarda anche l’adeguamento delle Norme Tecniche per le Costruzioni dove il contributo della geologia è fortemente penalizzato. “C’è bisogno di avviare una serie di azioni sistemiche e sinergiche anche di tipo immateriale e non strutturale, solo in questo modo si potrà raggiungere l’obiettivo di una vera ‘prevenzione civile’ che parte dal fascicolo del fabbricato e che arriva alla corretta informazione nei confronti dei cittadini. Per questo, è necessario diffondere la cultura geologica e l’educazione dei georischi nelle scuole”. Un’ultima considerazione sul fascicolo del fabbricato che considera “un dovere civico e sociale”.

Il Presidente del CNG ha concluso il suo intervento auspicando la nascita del “geologo di zona”. Dal punto di vista economico sulla necessità della messa in sicurezza del patrimonio immobiliare pubblico e privato, per Giovanni Azzone, coordinatore di Casa Italia, si stima un costo intorno ai 44 miliardi di euro: 30 dei quali a carico dello Stato e i restanti 14 miliardi ripartiti tra i cittadini. Incisivo e ricco di contenuti è stato inoltre l’intervento dell’onorevole Raffaella Mariani, che, tra i tanti temi trattati, ha posto l’attenzione sul bonus sismico, augurandosi di ottenere gli stessi positivi risultati raggiunti dal bonus energetico. Inoltre Mariani ha sottolineato la necessità di un maggiore coinvolgimento dei cittadini in merito alla conoscenza e ai rischi del territorio in cui vivono. Cultura, controllo e strategie economiche sono stati invece i punti centrali dell’intervento di Gaetano Butticé, Presidente dell’Ordine dei Geologi della Lombardia, che ha parlato della necessità di una comunicazione efficace volta all’avvicinamento di istituzioni locali e cittadini verso il mondo tecnico.

Nella crescente necessità di provvedere all’esaltazione di azioni virtuose volte al rafforzamento di una efficace cultura di prevenzione – ha proseguito Butticè – si collocano altri due aspetti fondamentali: il controllo dei progetti e, nell’ambito della valutazione del valore immobiliare, lo studio di vulnerabilità degli edifici e della pericolosità sismica delle aree in cui sono edificati.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Altro incidente sul lavoro a Milano: operaio colpito alla testa da un tubo d'acciaio, ferito

  • Cronaca

    Va in giro per Milano armato di ascia e si "apposta" fuori da un bar: fermato dai ghisa

  • Incendi

    Incendio a Baranzate: esplosione, fiamme e fumo nell'azienda che tratta rifiuti speciali

  • WeekEnd

    Cosa fare a Milano dal 19 al 21 gennaio

I più letti della settimana

  • Ubriaco non dà la precedenza e travolge una famiglia: l'incidente fa due morti, arrestato

  • Grave incidente a Milano, schianto tra due auto in via Cosenz: due morti e quattro feriti

  • Milano, ecco il locale di Black Mirror: il ristorante del futuro dove si paga con i like

  • Parte un colpo di pistola "per sbaglio": una studentessa 21enne uccisa dal suo fidanzato

  • Incidente in un'azienda che lavora metalli, sei operai intossicati: tre morti, un altro è grave

  • Incidente in via Astesani, davanti la fermata di Affori FN: strada chiusa e traffico in tilt. Foto

Torna su
MilanoToday è in caricamento