Un grande iceberg tecnologico ed ecosostenibile: come sarà il nuovo San Raffaele

Le immagini in anteprima: il nuovo pronto soccorso terminerà nel 2020

Il rendering

E' stato presentato nelle scorse ore il nuovo progetto del San Raffaele di Milano. I lavori inizieranno nella primavera del 2017 e termineranno nel 2020, se tutto andrà secondo il cronoprogramma.

Sarà la nuova sede dell'emergenza-urgenza. Si parla di un investimento economico di 50 milioni di euro. Paolo Rotelli, presidente del gruppo ospedaliero del San Raffaele, ha sottolineato che dovrebbero essere spesi 400 milioni in cantieri, nei prossimi quattro anni, di cui 100 per il nuovo Galeazzi all’ex Expo, 70 al San Donato e la stessa cifra in via Olgettina. Con l’edificio iceberg, l’ospedale s’allarga di 36mila metri quadrati.

Il progetto è dello studio dell'architetto Mario Cucinella. Il nuovo complesso avrà l'aspetto di un grande iceberg, "pulito e lineare". Il pronto soccorso passerà da 1.800 a 5mila metri quadrati. Ci sarà un giardino pensile con alberi e verde al primo piano. Tutte le luci saranno a led con un grande risparmio energetico; 5 piani di ambulatori e degenze, con circa 300 posti letto saranno accolti in una struttura a bassisimo impatto energetico, con lamelle di ceramica per "trasformare lo smog in sali". I sanitari saranno a risparmio di acqua potabile e i pavimenti saranno anti-batterici e anti-inquinamento, in "gres porcellanato". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia, a Milano il prefetto chiude L’Antica pizzeria da Michele, storico locale napoletano

  • "Sono stata incastrata", la comandante della Locale pizzicata con la coca denuncia i carabinieri

  • Grave incidente in autostrada A4, auto ribaltata: giovane 27enne rianimato sul posto

  • Incidente davanti al treno deragliato: Madeline è morta a 21 anni uccisa dal pirata fatto di coca

  • Distratti dal treno deragliato, incidente sull'A1: morta ragazza di 21 anni, feriti gravi tre amici

  • Milano Lancetti, uomo travolto da un treno in stazione: gravissimo

Torna su
MilanoToday è in caricamento