Bus notturni: "Ripristinare la N80, così si abbandonano le periferie"

Mozione in Municipio 7 per ripristinare la N80 (De Angeli-Quinto Romano) per tutte le notti, approvata coi voti del centrodestra e dei Cinque Stelle

Un bus notturno

"Sollevazione" in consiglio di Municipio 7 contro la decisione di Atm di eliminare la maggior parte delle linee bus notturne dal lunedì al venerdì, tra cui la N80, che da piazza De Angeli porta la quartiere periferico - e popoloso - di Quinto Romano. L'azienda dei trasporti ha deciso di mantenere per tutte le notti soltanto i bus che effettuano il percorso delle tre linee del metrò M1, M2 e M3 e della 90-91, motivando la scelta con gli eccessivi costi del servizio a fronte (a dire dei piani alti di Foro Bonaparte) della scarsità di utenti. Contemporaneamente, Atm ha anticipato di circa mezz'ora, al mattino, l'inizio del servizio del metrò.

Il consiglio di Municipio ha approvato una mozione urgente per chiedere che la N80 venga ripristinata tutti i giorni della settimana, anche con mezzi a capacità ridotta. La mozione, presentata da Andrea Afrune (lista Parisi), è stata approvata con il voto favorevole della maggioranza municipale di centrodestra e del Movimento 5 Stelle, mentre il centrosinistra si è astenuto.

Video: Bus notturni, Marracash: "Era ora, Milano diventa più moderna"

marracash bus notturni san babila-2

«Il collegamento con Quinto Romano è di fondamentale importanza per non isolare un quartiere così densamente popolato. Come è possibile che i cittadini percorrano tali distanze a piedi nel cuore della notte?», afferma Mario Moscheo, capogruppo di Forza Italia in Municipio 7. «Chiediamo il ripristino, anche con mezzi a capacità ridotta ma sufficienti a sopperire al disagio», spiega la consigliera di Municipio Barbara Beretta (Forza Italia). «Il trasporto pubblico va garantito a prescindere dai costi. E siamo solo all'inizio: la scorsa settimana l'assessore alla mobilità Marco Granelli ha riferito che prossimamente verranno stravolti anche i percorsi diurni di molte linee creando 'mobilità di quartiere'. Col risultato che, per raggiungere il centro, si dovrà intraprendere un'odissea», aggiunge Alessandro De Chirico, vice capogruppo "azzurro" in comune.

«Condivido il principio per cui ogni singolo cittadino debba avere il modo di tornare a casa con i mezzi pubblici ad ogni ora del giorno e della notte, ma è fondamentale apportare delle modifiche all'organizzazione del trasporto pubblico per renderlo sempre migliore: si possono trovare metodi più efficienti, per esempio gli autobus a chiamata e di dimensioni inferiori rispetto a quelli utilizzati nel resto delle ore della giornata. Il trasporto pubblico è una priorità di questa amministrazione e prova ne è l'apertura della metropolitana mezz'ora prima, che pone al centro di questo intervento i lavoratori che ogni giorno si alzano prima dell'alba. Troveremo con Palazzo Marino una nuova soluzione per chi abita in zone rimaste scoperte, prime fra tutte Quarto Cagnino, Figino e Quinto Romano. La destra che oggi critica queste modifiche, cinque anni fa si dichiarava contraria all'introduzione delle stesse linee notturne. Trovare soluzioni è più complesso di fare opposizione sempre e comunque», è la replica di Martina Riva (Lista Sala), che motiva così l'astensione del centrosinistra.

TUTTO SUI BUS NOTTURNI A MILANO

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Dodici persone rimpatriate dopo un blitz al campo nomadi: ritrovati vari camper rubati

    • Incidenti stradali

      Incidente sull'Autostrada A4, alle porte di Milano: arriva l'elisoccorso, traffico in tilt

    • Certosa

      Gli puntano un coltello alla gola e lo rapinano del cellulare: arrestato uno dei malviventi

    • Cronaca

      La manifestazione del 25 aprile parte con 15 minuti d'anticipo: multa da mille euro per l'Anpi

    I più letti della settimana

        Torna su
        MilanoToday è in caricamento