Neve a Milano: arriva perturbazione, possibile lieve "imbiancata" tra giovedì e venerdì

Le ultime previsioni parlano di pioggia mista a neve e di una possibile "spolverata", la prima della stagione

Tra giovedì 12 e venerdì 13 dicembre potrebbe esserci la prima spolverata di neve a Milano e, in generale, a quote basse in Lombardia. Niente di eccezionale, non dovrebbero esserci particolari problemi per strade e viabilità, ma le temperature basse e le perturbazioni che stanno per arrivare in regione lasciano presagire una possibile prima "imbiancata" della stagione in città. Ma andiamo con ordine. 

Prima perturbazione tra mercoledì e giovedì

"La prima perturbazione sarà veicolata dalla residua coda meridionale del vasto sistema frontale che potete apprezzare nell’immagine satellitare allegata (fonte EUMETSAT). Ci raggiungerà nella notte tra mercoledì 11 e giovedì 12 dicembre 2019. Si attendono precipitazioni generalmente deboli, anche moderate nei settori centro-meridionali, verosimilmente più coinvolti (in particolare l’Oltrepò, con estensione verso il Lodigiano e la Bergamasca). Sul Pavese ed in Emilia è possibile che possa nevicare fino a quote prossime alla pianura, tuttavia con accumuli al suolo a forte prevalenza altimetrica, dunque apprezzabili a partire dalla fascia pedecollinare appenninica a salire (da una spolverata fino a 10/15cm in Alto Oltrepò). Parimenti, una spolverata di neve è possibile in fascia alpina e prealpina fino a quote prossime ai fondovalle (forse qualcosina in più in basse Orobie, fino alle porte di Bergamo). Parliamo tuttavia di quantitativi coreografici o poco più, con difficoltà di accumulo sotto i 3-400m di quota", spiega il Centro Meteo Lombardo.

Possibile neve venerdì in Lombardia e Milano

"La seconda perturbazione è attesa venerdì 13 in giornata. Attenzione perché la dinamica è abbastanza particolare, per certi versi inusuale per il periodo. Agli effetti accadrà questo: una profonda circolazione depressionaria, attiva sulle Isole Britanniche, sarà letteralmente “strappata” nella sua porzione meridionale dal poderoso rinforzo della corrente a getto proveniente dal Canada - continua il Centro meteo -. Ciò determinerà una temporanea transizione e concentrazione delle precipitazioni a ridosso dei versanti esteri delle Alpi Occidentali, che opporranno strenua resistenza in virtù dei loro 4km e passa di rilievi. Purtuttavia, la fase più strutturata dell’impulso occidentale che supera tale quota non avrà problemi a scivolare a levante (a occhio nel primo pomeriggio di venerdì), determinando una (breve) finestra di precipitazioni da sfondamento. In questo frangente è ipotizzabile la caduta di neve (o pioggia mista a neve) fino a bassa quota su tutti i settori, seppur senza accumuli in pianura. Puntualizziamo nuovamente che si tratta di quantitativi modesti, come sempre accade quando l’ondulazione perturbata non affonda nel Mediterraneo e quindi non riesce ad attivare correnti dai quadranti meridionali, le uniche in grado di veicolare precipitazioni significative da scorrimento in sede padana".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Bareggio, trovato morto l'anziano che si era perso in campagna dopo l'incidente

  • Incidente a Trezzano, auto passa col rosso e si schianta con 2 macchine: 12enne gravissimo

  • Sete dopo la pizza? Ecco perchè ti viene

  • Gabriele e Risqi, morti nel tragico schianto in autostrada: la loro auto è finita sotto un tir

  • Milano, tentato suicidio in metro: donna si lancia sui binari della rossa, ferma la M1

  • Milano, tragedia nel cantiere della metro M4: Raffaele, l'uomo morto schiacciato dai detriti

Torna su
MilanoToday è in caricamento