Zambetti stipulo con D'Agostino un "patto politico mafioso"

Il presunto esponente della 'ndrangheta, Giuseppe D'Agostino, arrestato nell'operazione, si sarebbe presentato come "portavoce" della 'ndrangheta all'assessore

Domenico Zambetti

Il presunto esponente della 'ndrangheta, Giuseppe D'Agostino, arrestato nell'operazione che ha messo le manette anche all'assessore Domenico Zambetti, si sarebbe presentato come "portavoce" della 'ndrangheta all'assessore. Lo scrive il gip di Milano, Alessandro Santangelo, nell'ordinanza di custodia cautelare, nella quale spiega che D'Agostino si presentò a Zambetti "come 'portavoce' della 'ndrangheta'' e stipulò con lui un "patto politico-mafioso".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Mafia, a Milano il prefetto chiude L’Antica pizzeria da Michele, storico locale napoletano

  • "Sono stata incastrata", la comandante della Locale pizzicata con la coca denuncia i carabinieri

  • Grave incidente in autostrada A4, auto ribaltata: giovane 27enne rianimato sul posto

  • Incidente davanti al treno deragliato: Madeline è morta a 21 anni uccisa dal pirata fatto di coca

  • Distratti dal treno deragliato, incidente sull'A1: morta ragazza di 21 anni, feriti gravi tre amici

  • Milano Lancetti, uomo travolto da un treno in stazione: gravissimo

Torna su
MilanoToday è in caricamento