Zambretti aveva promesso la casa popolare per l'amante del boss

L'assessore arrestato prometteva favori alla 'Ndrangheta. Era vittima diventato ricattabile e doveva accettare le loro condizioni

Domenico Zambetti

Tra i vari favori promessi agli uomini della 'ndrangheta dall'assessore regionale lombardo, Domenico Zambetti, arrestato a Milano, c'é anche l'interessamento per "il rinnovo del contratto di parrucchiera per la sorella" di Eugenio Costantino, presunto affiliato, e "l'assegnazione di una casa Aler in favore della sua amante". Zambetti nell'ordinanza del gip Santangelo viene anche indicato con l'alias "Mimmo", proprio come i presunti 'ndranghetisti che a fianco al nome hanno un nomignolo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, primi casi di coronavirus accertati in Lombardia: 38enne ricoverato a Codogno

  • Mafia, a Milano il prefetto chiude L’Antica pizzeria da Michele, storico locale napoletano

  • Coronavirus, i casi salgono a sei: gravissimo un 38enne, in isolamento la moglie e un amico

  • Smog alle stelle a Milano, scatta il blocco del traffico: le auto che non potranno circolare

  • Grave incidente in autostrada A4, auto ribaltata: giovane 27enne rianimato sul posto

  • Incidente davanti al treno deragliato: Madeline è morta a 21 anni uccisa dal pirata fatto di coca

Torna su
MilanoToday è in caricamento