Zambetti vittima di sé stesso: "Doveva concedere favori alla 'Ndrangheta"

L'assessore Domenico Zambetti, finito in carcere, è stato inglobato dal meccanismo mafioso dei favori e non poteva rifiutarsi

Domenico Zambetti

L'assessore Domenico Zambetti, finito in carcere, per il suo tornaconto personale di ottenere voti, sarebbe poi rimasto "inglobato nel meccanismo di favori da concedere alla 'ndrangheta'' e non si poteva sottrarre. Quando ci ha provato "sono scattate le minacce e le intimidazioni".

Lo ha spiegato il procuratore aggiunto Ilda Boccassini in conferenza stampa, mercoledì 10 ottobre. Il magistrato ha ribadito che "l'aspetto inquietante di questa inchiesta è il patto tra un uomo delle Istituzioni e l'organizzazione mafiosa che pretende favori".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente a Cesano, travolta da un bus Atm mentre attraversa sulle strisce: è grave

  • Milano, turista sequestrata e violentata dentro un McDonald's: le fratturano anche il naso

  • Un ponte sospeso, store "sperimentali", 190 negozi: ecco il nuovo mega mall di Milano

  • Scuole, ecco i licei e gli istituti di Milano dove il diploma vale oro: la classifica completa 2019

  • Metro linea gialla M3: uomo perde la vita, circolazione bloccata

  • Milano, mega incendio in una palazzina in via Della Torre: 50 evacuati, due bimbi in ospedale

Torna su
MilanoToday è in caricamento