Zambetti vittima di sé stesso: "Doveva concedere favori alla 'Ndrangheta"

L'assessore Domenico Zambetti, finito in carcere, è stato inglobato dal meccanismo mafioso dei favori e non poteva rifiutarsi

Domenico Zambetti

L'assessore Domenico Zambetti, finito in carcere, per il suo tornaconto personale di ottenere voti, sarebbe poi rimasto "inglobato nel meccanismo di favori da concedere alla 'ndrangheta'' e non si poteva sottrarre. Quando ci ha provato "sono scattate le minacce e le intimidazioni".

Lo ha spiegato il procuratore aggiunto Ilda Boccassini in conferenza stampa, mercoledì 10 ottobre. Il magistrato ha ribadito che "l'aspetto inquietante di questa inchiesta è il patto tra un uomo delle Istituzioni e l'organizzazione mafiosa che pretende favori".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tragedia a Bareggio, trovato morto l'anziano che si era perso in campagna dopo l'incidente

  • Incidente in Stazione Centrale a Milano, Frecciarossa urta il tronchino di sicurezza

  • Cercano di accoltellare Brumotti in centro a Monza: salvato dal giubbotto antiproiettile

  • Milano, tragedia nel cantiere della metro M4: Raffaele, l'uomo morto schiacciato dai detriti

  • Milano, tentato suicidio in metro: donna si lancia sui binari della rossa, ferma la M1

  • Sete dopo la pizza? Ecco perchè ti viene

Torna su
MilanoToday è in caricamento