L'autista di Bossi confessa: "Non sapevo fosse reato"

Alessandro Marmello risponde alla domanda: "Perchè non ha denunciato prima i "magheggi" del Trota?". "Non sapeva che fosse reato"

Alessandro Marmello nel video di Oggi

"Non ero andato prima in procura perchè non sapevo se fosse reato". Alessandro Marmello, l'ex autista del consigliere regionale Renzo Bossi (dimessosi), svela all'Arena di Raiuno il perchè di qualcosa che molti si chiedevano: perchè non era andato a denunciare i ritiri "sospetti" del Trota prima che scoppiasse il caso dei rimborsi della Lega?

Marmello, che la settimana scorsa in un'intervista corredata da un video, ha denunciato al settimanale Oggi i passaggi di denaro al 'Trota' per le sue spese personali, lunedì scorso è stato sentito come testimone dai pm milanesi che indagano sui fondi del Carroccio.

Durante la trasmissione, rispondendo a una domanda, ha affermato di aver parlato della faccenda "con l' amministratore, l'amministrazione, perché era con lui che dovevo parlare" e non con Renzo Bossi: "non era il mio datore di lavoro. Ho un contratto con la Lega Nord e non con lui".

Marmello, oltre ad aver precisato "non mi ha mai licenziato nessuno", ha affermato di non definirsi "un pentito" e di non essere in possesso di altro materiale per comprovare i presunti versamenti di denaro del partito a Renzo Bossi per le sue esigenze quotidiane.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Terrorismo, arrestato un 30enne legato allo Stato Islamico: «Pronto a colpire in Italia»

    • Cronaca

      Donna trovata morta immersa nell'acqua in una cava

    • Milano Centro

      Il Presepe di Matera inaugurato a Palazzo Marino

    • Cronaca

      Non riescono a tornare a casa dall'ospedale: notte all'aperto per due coniugi disabili

    I più letti della settimana

    • Referendum, il centro di Milano "feudo" del Sì. I risultati di tutti i Municipi

    • Milano, risultato referendum: in città vince il 'Sì' con il 51%. La Lega milanese: 'Renzi a casa'

    • Referendum, anche a Milano la "bufala" delle matite che non scrivono o che si cancellano

    • Referendum costituzionale (fronte del No): Forza Nuova contro il "senato di Renzi"

    • Referendum: il Pirellone si illumina col "No", è bufera

    • Il sindaco Sala sarà insignito con la Legione d'Onore: l'onorificenza più alta in Francia

    Torna su
    MilanoToday è in caricamento