L'autista di Bossi confessa: "Non sapevo fosse reato"

Alessandro Marmello risponde alla domanda: "Perchè non ha denunciato prima i "magheggi" del Trota?". "Non sapeva che fosse reato"

Alessandro Marmello nel video di Oggi

"Non ero andato prima in procura perchè non sapevo se fosse reato". Alessandro Marmello, l'ex autista del consigliere regionale Renzo Bossi (dimessosi), svela all'Arena di Raiuno il perchè di qualcosa che molti si chiedevano: perchè non era andato a denunciare i ritiri "sospetti" del Trota prima che scoppiasse il caso dei rimborsi della Lega?

Marmello, che la settimana scorsa in un'intervista corredata da un video, ha denunciato al settimanale Oggi i passaggi di denaro al 'Trota' per le sue spese personali, lunedì scorso è stato sentito come testimone dai pm milanesi che indagano sui fondi del Carroccio.

Durante la trasmissione, rispondendo a una domanda, ha affermato di aver parlato della faccenda "con l' amministratore, l'amministrazione, perché era con lui che dovevo parlare" e non con Renzo Bossi: "non era il mio datore di lavoro. Ho un contratto con la Lega Nord e non con lui".

Marmello, oltre ad aver precisato "non mi ha mai licenziato nessuno", ha affermato di non definirsi "un pentito" e di non essere in possesso di altro materiale per comprovare i presunti versamenti di denaro del partito a Renzo Bossi per le sue esigenze quotidiane.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Porta Ticinese

      Darsena: bimbo di 5 anni scivola in acqua, salvato da un poliziotto

    • Trasporto locale

      Tram e bus Atm: dal 27 aprile modifiche alle linee verso il centro

    • Cronaca

      Studente con febbre altissima: sospetto caso di meningite a Milano

    • Cronaca

      Coppia di mamme adotta legalmente le proprie figlie: primo caso in Italia

    I più letti della settimana

    • Pass per le corsie preferenziali e parcheggi gratis: l'elenco

    • Marijuana, Radicali distribuiscono semi di cannabis: arriva la polizia

    • 25 Aprile: vietata la parata neofascista al Campo X del Cimitero Maggiore

    • «La Regione vende i dati sanitari dei lombardi a Ibm»

    • Spese pazze, la regione chiede 3 milioni e 400 mila euro agli ex consiglieri

    • «Impossibile vietare la commemorazione neofascista al Campo 10 il 25 Aprile»

    Torna su
    MilanoToday è in caricamento