E Boni (indagato) fino all'ultimo col "comandante: "Bossi è mio padre"

Messaggio "strappalacrime" su Fb del presidente del Consiglio regionale, che dà la vicinanza al senatùr: "Senza il nostro capo noi che saremmo ora? Lui è "mio padre""

Boni con Bossi (dettaglio, da Flickr di Davide Boni)

Ci ha abituati a leggere la sua pagina Facebook nei giorni "clou" dell'inchiesta a suo carico, il presidente del consiglio regionale Davide Boni. E ora che nei guai è finito nientemento che il "senatur", Boni usa ancora Facebook per manifestare la sua vicinanza al capo.

"Senza il nostro capo noi che saremmo ora? - scrive Boni in bacheca -. Senza Umberto Bossi non sarei qui a combattere con voi per il nostro ideale. Bossi non merita ciò, ha perso la salute in questa battaglia, ora ha bisogno di noi e della nostra forza".

Continua Boni: "Bossi è mio padre e i leghisti sono miei fratelli".

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ubriaco fradicio alla guida, accosta e ferma i vigili: "Documenti grazie, devo farvi la multa"

  • Incidente a Trezzano, auto passa col rosso e si schianta con 2 macchine: 12enne gravissimo

  • Milano, incidente in via Trevi: Smart si ribalta e piomba dentro al negozio di kebab, un morto

  • Incidente in A4, travolto da un'auto mentre viaggia in bici in autostrada: morto un uomo

  • Milano, furto nella casa in Duomo: sparite valigie, 5mila euro e le chiavi della Porsche

  • Milano, festino a base di cocaina, hashish e marijuana nell'hotel di lusso: arrestato 32enne

Torna su
MilanoToday è in caricamento