Sumaya presidente della commissione cultura, Sala: "Scelta delicata"

Il sindaco chiama le forze politiche a un confronto prima di scegliere la consigliera musulmana come presidente della commissione cultura

Sumaya Abdel Qader (facebook.it/sumaya.abdelqader)

"Frenare un attimo e coinvolgere in un confronto tutte le forze politiche". Queste le parole del sindaco di Milano Beppe Sala a commento della candidatura della consigliera musulmana del Pd Sumaya Abdel Qader alla presidenza della commissione cultura di Palazzo Marino. "La commissione cultura è molto delicata e suscita interesse in città", ha continuato il primo cittadino, suggerendo un dialogo tra tutte le parti politiche, "maggioranza in primis", per poi arrivare a una soluzione condivisa.

Le polemiche

La candidatura della consigliera di fede islamica alla presidenza della commissione cultura aveva suscitato molte polemiche nel centrodestra. In particolare, il consigliere regionale leghista Massimiliano Bastoni aveva criticato aspramente la notizia dicendo: "La giunta Sala svende la cultura milanese a quella islamica, sacrifica sull'altare del politicamente corretto la nostra cultura e le nostre tradizioni per avvantaggiare l'Islam. Il sindaco ci dica chiaramente se vuole trasformarci nella succursale della Mecca".

La scelta di candidare Sumaya Abdel Qader a presidente della commissione cultura però ha destato qualche perplessità anche nel centro sinistra. In particolare, gli esponenti della lista civica del sindaco alla consigliera del Pd preferiscono il direttore d'orchestra e figlio del noto oncologo, Alberto Veronesi, che presto sostituirà in Consiglio Elisabetta Strada, eletta in Regione. Sala, intanto, si è detto cauto sulla candidatura della consigliera Pd: "In generale non prendo mai le parti della mia lista, perché non sarebbe nemmeno corretto, ma in questo caso credo che abbiano diritto a chiedere un dibattito profondo".

Sumaya Abdel Qader era stata scelta per il ruolo di presidente della commissione cultura dal suo partito come sostituta di Paola Bocci, passata al consiglio regionale della Lombardia. Il capogruppo del Pd Filippo Barberis aveva argomentato la preferenza definendo Sumaya "la candidata naturale a quel ruolo per la sua esperienza in commissione, dove è già vicepresidente, e la sua stretta collaborazione con l'uscente presidente Bocci". Barberis aveva sottolineato anche il fatto che la candidatura fosse stata fatta in base a un criterio meritocratico, in cui "l'appartenenza religiosa di Sumaya non deve rappresentare un criterio di giudizio".

Critiche alla consigliera

Già due anni fa, quando Sumaya era comparsa tra le liste del Pd, le reazioni erano state accesissime e, sopratutto nel centrodestra, non erano risultate gradite né le sue dichiarazioni contro la politica dello Stato di Israele né la sua presunta vicinanza ai Fratelli Musulmani. Persino alcuni esponenti del Pd di origine ebraica l'avevano attaccata duramente, arrivando a chiederne l'espulsione dal partito. Laureata in biologia, in lingue straniere e in sociologia, la donna è nata in Italia da genitori giordano-palestinesi. Autrice di un'autobiografia intitolata Porto il velo, adoro i Queen, è attiva nel campo dei diritti delle donne. Recentemente era diventata virale la foto da lei pubblicata su Facebook, nella quale parodiando il selfie di Elisa Isoardi, compagna del ministro dell'interno Matteo Salvini, leggeva un libro mentre il marito era intento a stirare.

Sulla questione è anche intervenuto il giornalista e inviato di guerra Toni Capuozzo, autore di un post molto condiviso. Le sue parole sono critiche nei confronti della possibile scelta. "Certo, Londra ha un sindaco musulmano, ma non è sindaco in quanto tale. Certo, guai a discriminare in base alle appartenenze religiose. Ma che il PD milanese candidi alla presidenza della Commissione Cultura Sumaya Abdel Kader mi lascia perplesso. Ha sempre smentito ogni legame con i Fratelli Musulmani, e va bene. Ha criticato duramente Israele e ci mancherebbe altro non fosse legittimo. Presiede un'associazione di donne islamiche intitolata ad Aisha, e non ha mai chiarito, che io sappia, se si tratti di Aisha la cantante, Aisha la figlia di Gheddafi o Aisha la sposa bambina del Profeta - scrive Capuozzo -. Nel suo profilo - sul sito del Comune - si presenta come impegnata contro la discriminazione di genere, impegno meritorio. Ma il solo fatto di portare il velo, scelta libera e rispettabile, nella vita privata come in quella pubblica, mi fa dire che non è il profilo migliore per rappresentare le molte facce della cultura milanese. Se per Cultura - e cultura in una città europea - intendiamo anche valori irrinunciabili quali i diritti della donna, questa non è integrazione, è multiculturalismo distratto, facilone: il contrario di un dialogo franco, rispettoso ma intransigente sui diritti e sui doveri".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, incidente in viale Fulvio Testi: uomo travolto e ucciso dal tram della linea 31

  • Milano, auto piomba alla fermata del bus in via Novara: due investiti, gravissima una donna

  • I politici romani prendono in giro l'albero di Milano: "Che schifo il vostro ferracchio"

  • Milano, uomo trovato morto sul marciapiedi: sul posto la scientifica

  • Milano, la figlia neonata di una detenuta non respira: agente della penitenziaria la salva così

  • Incidente in autostrada A4 tra Agrate e la Tangenziale Est: nove chilometri di coda

Torna su
MilanoToday è in caricamento