Corteo estrema destra per Ramelli, saluti romani col braccio teso

La manifestazione di estrema destra

Commemorazione per Ramelli

Oltre 1.500 militanti di destra hanno partecipato nel pomeriggio di domenica alla commemorazione in occasione dell'anniversario della morte di Sergio Ramelli, militante di destra del Fronte della Gioventù, avvenuta il 13 marzo 1975, oltre al ricordo di Carlo Borsani ed Enrico Pedenovi.

Presenti diverse sigle che hanno percorso a piedi, in silenzio, via Paladini fino alla chiesa di San Nereo e Achilleo in viale Argonne. Nello spiazzo le sigle si sono schierate: Casa Pound, Forza Nuova e Do.Ra., Lealtà Azione. Presente, fra gli altri, l'ex candidata di Casa Pound alle Regionali, Angela De Rosa. Poi la messa.

I militanti hanno teso il braccio per il saluto romano gridando "Presente" davanti alla lapide che commemora Sergio Ramelli, a Milano. Un gruppo compatto ha salutato i "camerati caduti" con il braccio teso per tre volte. Ramelli e Pedenovi furono uccisi rispettivamente nel 1975 e nel 1976 da esponenti di estrema sinistra nel capoluogo lombardo. Il corteo si è concluso senza tensioni o incidenti.

WhatsApp Image 2018-04-29 at 16.54.33 (1)-2

manifestazione_ramelli-2

Potrebbe interessarti

  • Schiamazzi e lite furibonda all'una di notte in strada

  • Perchè è importante cambiare le lenzuola del letto

  • Pulizia della lavastoviglie: tutti i consigli utili

  • Come svegliarsi bene la mattina: 6 consigli pratici

I più letti della settimana

  • Follia sul bus a Milano, autista picchiato a sangue: la foto denuncia dell'occhio tumefatto

  • E' morto a Milano Enrico Nascimbeni, aveva 59 anni

  • Sciopero dei mezzi a Milano, giovedì stop a metro, tram e bus Atm: gli orari dell'agitazione

  • Assorbenti, coppette mestruali e sex toys: a Milano il primo negozio dedicato alla vagina

  • Ragazzo di ventidue anni sparito da oltre un mese: ritrovato a Milano, dormiva in strada

  • Malpensa, fagioli scambiati per ovuli di coca: brutta disavventura per un turista brasiliano

Torna su
MilanoToday è in caricamento