Convegno con i neo-nazi europei a Milano, l'ira del Comune di Milano

Pisapia e Granelli contro l'iniziativa partita da Forza Nuova: "Assurdo dar loro una sala della Provincia"

Il convegno

Il sindaco di Milano Giuliano Pisapia punta a far cancellare il convegno delle forze nazionaliste europee, organizzato da Forza Nuova per sabato 20 dicembre all'auditorium della Provincia in via Corridoni.

Parteciperanno Forza Nuova, Alba Dorata e altri gruppi politici di ultra-destra. E proprio sulla concessione dello spazio pubblico, il sindaco attacca la Lega Nord, che avrebbe chiesto a Palazzo Isimbardi di ospitare l'iniziativa, anche se il Carroccio attraverso una nota ha spiegato che il convegno non è una sua iniziativa e il segretario Matteo Salvini non ci sarà.

"E' scandaloso che una istituzione come la Provincia di Milano abbia dato in uso a Forza Nuova la sala istituzionale di via Corridoni per un incontro internazionale dove si radunano persone già condannate - scrive l'assessore comunale alla Sicurezza Marco Granelli -. E' grave che un gruppo politico come la Lega abbia utilizzato la sua possibilità di avere in uso spazi istituzionali per realizzare un raduno di neo-fascisti e neo-nazzisti. Oggi in Comitato Ordine e Sicurezza Pubblica ho manifestato la contrarietà e le preoccupazioni del Comune di Milano".

"La Prefettura sta facendo i suoi passi, spero che siano decisivi. Sarà uno scandalo per Milano e richiederà uno sforzo da parte delle Forze dell'Ordine per prevenire scontri. Le Forze dell'Ordine sono chiamate a difendere la nostra città dalla criminalità e dall'illegalità, e invece siamo costretti a continuare ad utilizzarle per chi nelle istituzioni utilizza il suo ruolo per provocare e lo Stato deve spendere soldi per evitare disordini e scontri. Noi non ci stiamo", conclude.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Si è scambiata un'infezione appena più seria di un'influenza per una pandemia letale"

  • Coronavirus, tutte le scuole di Milano e provincia chiuse: ecco l'elenco dei comuni

  • Milano, primi casi di coronavirus accertati in Lombardia: 38enne ricoverato a Codogno

  • Coronavirus, altro contagio: positivo al virus un 40enne che lavora a Cesano Boscone

  • Coronavirus, primi 2 casi a Milano: contagiati a Sesto e Mediglia, "caccia" al vero paziente 0

  • Coronavirus, sale il numero dei contagiati in Lombardia: sono 47. Due casi nel milanese

Torna su
MilanoToday è in caricamento