La Regione impose alla Maugeri Daccò e Simone come intermediari

I pm di Milano hanno chiesto il prolungamento della carcerazione preventiva per i due indagati al gip

Fondazione Maugeri

Dopo la condanna di Pierangelo Daccò a 10 anni, con rito abbreviato lo scorso 3 ottobre, per bancarotta, associazione per delinquere e altri reati, adesso i pm di Milano hanno chiesto il prolungamento della carcerazione preventiva sia per Daccò che per Antonio Simone (co-indagato) al gip.

Questo perché come emerge dagli interrogatori fu "proprio da organi della Regione Lombardia Passerino e Maugeri abbiano ricevuto l’indicazione di rivolgersi agli intermediari Simone e Daccò per ottenere provvedimenti amministrativi favorevoli”.

Sarebbe stata la Regione quindi ha imporre i due come intermediari, secondo l'accusa. Per i pm questi indizi portano direttamente al presidente della Regione Formigoni.

"Questa circostanza - proseguono i pm - evidenzia un saldo legame con gli organi di vertice della Regione Lombardia e, in particolare, come si dirà con il presidente Formigoni legame e complicità che conferiscono agli indagati un formidabile potere di influenzare e direzionare le decisioni politiche e amministrative in proprio favore”.

Adesso si attende la risposta del gip sulla richiesta di prolungare la custodia cautelare ai danni dei due intermediari.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ubriaco fradicio alla guida, accosta e ferma i vigili: "Documenti grazie, devo farvi la multa"

  • Tragedia a Bareggio, trovato morto l'anziano che si era perso in campagna dopo l'incidente

  • Incidente a Trezzano, auto passa col rosso e si schianta con 2 macchine: 12enne gravissimo

  • Sete dopo la pizza? Ecco perchè ti viene

  • Milano, incidente in via Trevi: Smart si ribalta e piomba dentro al negozio di kebab, un morto

  • Gabriele e Risqi, morti nel tragico schianto in autostrada: la loro auto è finita sotto un tir

Torna su
MilanoToday è in caricamento