Marcello Dell'Utri torna libero, pena finita: era ai domiciliari a Milano

L'ex senatore di Forza Italia era stato condannato definitivamente per concorso esterno in associazione mafiosa

Dell'Utri

Gli restano due anni di sorveglianza speciale, ma Marcello Dell'Utri (già manager di Publitalia e poi politico di Forza Italia, considerato vicinissimo a Silvio Berlusconi) ha finito di scontare, il 3 dicembre, la condanna per concorso esterno in associazione mafiosa ed è quindi un uomo libero.

Inizialmente condannato a sette anni di reclusione (con sentenza definitiva del 2014), poi ridotta a cinque anni e alcuni mesi, scontati prima nel carcere di Parma e poi a Rebibbia, infine dal 2018 ai domiciliari nell'abitazione milanese per moviti di salute. L'accusa si fonda su un presunto patto di protezione siglato nel 1974 da Silvio Berlusconi con la mafia. Tornando libero, Dell'Utri per due anni avrà l'obbligo di firma presso il commissariato di polizia, ma intanto attende l'esito di un altro procedimento per il quale, in primo grado, è stato condannato a 12 anni di reclusione.

Si tratta della cosiddetta trattativa Stato-mafia, una vicenda nella quale Dell'Utri è considerato il "portatore" di una minaccia a Silvio Berlusconi quando questi era presidente del consiglio. L'accusa è infatti quella di minaccia a corpo politico dello Stato. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Clienti delusi dal villaggio di Natale di Milano, proteste sui social e richieste di rimborso

  • Incidente in viale Bezzi, schianto tra un filobus della 91 e un camion per la raccolta rifiuti

  • Shirley, la baby sitter morta nello schianto tra un pullman Atm e un camion Amsa a Milano

  • Villaggio di Natale di San Siro, l'organizzazione ai clienti delusi: 'Le criticità verranno risolte'

  • Milano, rapinato il ristoratore dei vip: "Pistola contro per rubarmi soldi contanti e orologio"

  • Incidente tra filobus Atm e camion Amsa: indagati per omicidio stradale i conducenti

Torna su
MilanoToday è in caricamento