Don Rigoldi: "Formigoni? Se resta, commette peccato"

Il cappellano del Beccaria chiede un passo indietro alla giunta. "E' impresentabile, a disagio come cattolico e cittadino". E su Zambetti: "Non avrei mai pensato, era efficiente e capace di ascolto"

Don Gino Rigoldi, cappellano del carcere minorile Beccaria, non la manda a dire al presidente Formigoni, cattolico come lui. "Per un credente restare significa fare peccato", ammonisce in una intervista al Messaggero. Secondo il sacerdote, "una figura istituzionale del genere è anche un modello. Purtroppo, al di là delle sue responsabilità, le ultime vicende fanno sì che la funzione educativa di questa giunta non sia più percepita come tale".

Continua don Rigoldi: "Io per primo come cattolico e cittadino sono a disagio. La giunta è diventata impresentabile".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

E su Zambetti esprime sconcerto: "Pensare che lo conosco, ha collaborato con noi per la visita del papa. E' stato efficiente e capace di grande ascolto. Non avrei mai immaginato".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, 'paziente covid positivo' attraversa la città con flebo e ossigeno: la performance

  • Milano, folle abbandona la mamma sull'A7, poi picchia un tranviere e si mette a guidare il tram

  • Incidente a Carpiano, scontro tra due auto piene di bambini: bimba di 7 mesi grave

  • Milano, ancora spari in via Creta: ragazzo di 32 anni gambizzato durante la notte, le indagini

  • Fanno esplodere la banca e scappano verso un campo rom: il bottino era di 60mila euro

  • Lo spettacolo della cometa Neowise, visibile a occhio nudo sopra Milano

Torna su
MilanoToday è in caricamento