Donne, lavoro e vita familiare: fondi europei e regionali per l'8 marzo

Al via il finanziamento di progetti che aiutano le famiglie con figli minori a conciliare lavoro e vita privata

Progetti per la conciliazione vita-lavoro finanziati dall'Ue e dalla Regione

Due milioni e mezzo di euro (di fondi europei) per finanziare progetti sulla parità di diritti tra uomo e donna: li mette in campo la Regione Lombardia, sommandoli a tre milioni e mezzo di fondi propri, in occasione dell'8 marzo. I fondi sono dedicati in particolare al tema della conciliazione vita-lavoro, che è uno dei problemi più grandi nella legislazione - e nella pratica - lavorativa italiana, rispetto a Paesi in questo senso obiettivamente più avanzati.

Per accedere ai fondi occorre costituire partenariati di almeno tre soggetti tra enti pubblici, enti accreditati per offerte socio-sanitarie, organizzazioni riconosciute del terzo settore, enti riconosciuti dalle confessioni religiose con cui lo Stato ha stipulato intese. I progetti presentati dovranno riguardare servizi socio-educativi destinati a lavoratori e lavoratrici domiciliati o residenti in Lombardia, con un figlio a carico minore di 16 anni.

In particolare, i progetti riguarderanno assistenza e custodia rivolti a minori, gestione di pre e post scuola e periodi di chiusura scolastica, accompagnamento dei minori per attività di tempo libero (sport, visite a parchi o musei, eccetera). A ciò potrà accompagnarsi un progetto di informazione e sensibilizzazione nei confronti delle lavoratrici e dei lavoratori nella fruizione dei servizi disponibili per l'infanzia e l'adolescenza.

«Questi fondi che può sembrare vadano a sostegno solo delle donne, in realtà vanno a sostegno della famiglia in generale; sono tutte quelle misure volte ad incentivare servizi di custodia e di assistenza rivolti ai minori, servizi della gestione pre e post scuola, oratori estivi, servizi di supporto per la fruizione delle attività nel tempo libero e tutto ciò che può essere d'aiuto ad una famiglia per conciliare le tempistiche lavorative con quelle della vita privata e per agevolare una parità di diritti e di opportunità che sta dando risultati importanti», ha commentato Francesca Brianza, assessore regionale all'inclusione sociale: «Una politica di questo tipo può rappresentare un forte incentivo garantendo una parità di diritti tra uomini e donne».

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Approvata la mozione: scatta il numero chiuso alla Statale di Milano, protestano gli studenti

    • Politica

      Attentato a Manchester, Sala: “Si alzano i livelli di allerta, controlli a San Siro per i concerti"

    • Cronaca

      Metro, sì al prolungamento di “rossa” e “lilla”: la M1 e la M5 verso Monza e Settimo Milanese

    • Cronaca

      È in vendita anche a Milano la “marijuana legale”: ecco dove si può comprare EasyJoint

    I più letti della settimana

    • Ivan Scalfarotto si è sposato a Milano: prima unione civile di un membro del governo

    • Borghezio: condanna contro l'ex ministro Kyenge, risarcimento da 50mila euro

    • Berlusconi fonda un nuovo partito, ecco Movimento animalista: "Puntiamo al 20%"

    • Il prete accoglie 9 profughi, il sindaco leghista "minaccia" controlli in parrocchia

    • Bufera sul nuovo difensore regionale Carlo Lio: "Ha la terza media, inadeguato"

    • Attentato a Manchester, Sala: “Si alzano i livelli di allerta, controlli a San Siro per i concerti"

    Torna su
    MilanoToday è in caricamento