Parisi sugli abbonamenti Atm per anziani: "Assurde le fasce orarie"

Ma l'idea di Maran aveva riscosso successo. Secondo il candidato di centrodestra, "16 euro e vadano in autobus quando vogliono. Le cose devono essere semplici"

Si discute anche di abbonamenti Atm per gli anziani

L'abbonamento Atm per gli anziani entra nella campagna elettorale per il ballottaggio a Milano. Negli anni della giunta di Giuliano Pisapia, l'abbonamento riservato agli "over" era stato rimodulato quasi subito, in occasione anche dell'aumento del biglietto ordinario da 1 euro a 1,50 euro (era fermo a 1 euro da un decennio).

Recentemente la giunta ha deciso di introdurre nuovamente agevolazioni, soprattutto per gli anziani che prendono i mezzi pubblici dopo l'ora di punta del mattino, precisamente dopo le 9.30. Una formula che ha riscosso un successo più di quanto ci si aspettasse. Ma Stefano Parisi, prima del ballottaggio di domenica, giovedì mattina su Telelombardia, è andato all'attacco, stimolato dalla domanda di una telespettatrice sull'argomento.

«In Italia complichiamo sempre le cose. Perché un anziano non può prendere i mezzi alle sette?», si è chiesto Parisi: «L'abbonamento scontato per gli anziani dev'essere semplice: pagano 16 euro e poi vadano in autobus quando vogliono. Se sarò eletto sindaco, succederà da subito».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I politici romani prendono in giro l'albero di Milano: "Che schifo il vostro ferracchio"

  • Incidente in viale Bezzi, schianto tra un filobus della 90 e un camion per la raccolta rifiuti

  • "Puoi spostarti?": ragazza prende a schiaffi un uomo sull'autobus Atm, ma lui è sordomuto

  • Milano, uomo trovato morto sul marciapiedi: sul posto la scientifica

  • Milano, la figlia neonata di una detenuta non respira: agente della penitenziaria la salva così

  • Incidente in autostrada A4 tra Agrate e la Tangenziale Est: nove chilometri di coda

Torna su
MilanoToday è in caricamento