Parisi, Salvini non sarà assessore: "Voglio gente a tempo pieno"

E il candidato di centrodestra non attacca le scelte di Sala: "Linus e la Bonino sono persone di valore, se accettano fa bene a metterle in squadra"

Parisi in Vespa

Matteo Salvini (segretario federale Lega Nord, ndr) mio assessore alla sicurezza? No, mi serve uno a tempo pieno, e Salvini deve fare il leader di partito. E ho già spiegato che nel non dire chi sono i miei assessori io difendo la mia autonomia”.

Lo dice Stefano Parisi, a pochi giorni dal ballottaggio, lunedì al programma di Rai Radio2 Un Giorno da Pecora, condotto da Geppi Cucciari e Giorgio Lauro. “E' il sindaco che decide chi sono gli assessori, una volta che diventerò sindaco avrò l'autonomia e la forza del popolo che mi avrà dato i voti”, ha precisato il candidato del centrodestra.

Il nome di Anna Maria Bernardini de Pace è tra quelli da lei prescelti? “E' una persona di grande valore ma non ho pensato a lei”. Quindi è no? “Non vi dico i nomi, voglio evitare di utilizzare questi nomi come boutade elettorale”.

Beppe Sala (candidato centrosinistra) però ha già annunciato due nomi: Linus ed Emma Bonino. Qui Sala torna al fair-play con l'avversario che ha caratterizzato la prima parte della campagna elettorale. “Linus è un runner come me, ed un disc jokey. Lui e la Bonino sono persone diverse e di valore, se Sala ritiene fa bene a metterli in squadra”, ha concluso Sala a Radio2.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, incidente in viale Fulvio Testi: uomo travolto e ucciso dal tram della linea 31

  • Milano, auto piomba alla fermata del bus in via Novara: due investiti, gravissima una donna

  • I politici romani prendono in giro l'albero di Milano: "Che schifo il vostro ferracchio"

  • Milano, uomo trovato morto sul marciapiedi: sul posto la scientifica

  • Milano, la figlia neonata di una detenuta non respira: agente della penitenziaria la salva così

  • Incidente in autostrada A4 tra Agrate e la Tangenziale Est: nove chilometri di coda

Torna su
MilanoToday è in caricamento