Elezioni europee 2019: chi sono i deputati eletti nel Nord-Ovest a Milano

Ecco i deputati europei del Nord-Ovest dopo il voto

Salvini in conferenza stampa dopo il voto

La Lega di Matteo Salvini è stata il reale vincitore delle elezioni europee del 26 maggio 2019, raggiungendo il 34,33% a livello nazionale. Un risultato storico per il Carroccio, sebbene previsto nei sondaggi. Delusione, invece, per l'altra componente del governo, il Movimento 5 Stelle, precipitato al 17,07% e largamente superato dal Partito Democratico a gestione Nicola Zingaretti (22,69%). Bene anche Fratelli d'Italia, che con il 6,46% si avvicina notevolmente all'alleato Forza Italia (8,79%).

Restano sotto la soglia di sbarramento del 4%, e quindi fuori dal Parlamento Europeo, +Europa (3,09%), Europa Verde (2,29%), La Sinistra (1,74%) e gli altri partiti eccetto la Sudtiroler Volkspartei (Svp) che, grazie alla tutela delle minoranze linguistiche, elegge comunque Herbert Dorfmann grazie alle sue 100 mila preferenze personali.

Alla circoscrizione del Nord-Ovest (Lombardia, Piemonte, Liguria e Valle d'Aosta) spettano 20 seggi. In attesa dell'ufficialità, alla Lega andrebbero 9 seggi, 5 al Pd, 2 al Movimento 5 Stelle, 2 a Forza Italia e 2 a Fratelli d'Italia. Vediamo di seguito gli eletti.

Lega 

(Matteo Salvini), Angelo Ciocca, Silvia Sardone, Isabella Tovaglieri, Danilo Oscar Lancini, Gianna Gancia in Calderoli, Stefania Zambelli, Alessandro Panza, Marco Zanni, Marco Campomenosi.

Il Carroccio, a parte il trionfo personale di Salvini con oltre 693 mila preferenze al Nord-Ovest, vede al secondo posto il pavese Angelo Ciocca e al terzo la "pasionaria" milanese Silvia Sardone, la donna più votata della Lega in questa tornata elettorale. Seguono Isabella Tovaglieri, vice sindaco di Busto Arsizio, e il deputato bresciano Oscar Lancini. Eletti anche la compagna di Calderoli, la cuneese Gianna Gancia, e la bresciana Stefania Zambelli. E ancora l'ossolano Alessandro Panza e l'eurodeputato uscente Marco Zanni, nono. 

Salvini ovviamente rinuncerà al seggio a Bruxelles aprendo la strada al ligure Marco Campomenosi. Silvia Sardone andrà invece in Parlamento Europeo e dovrà quindi dimettersi da consigliera regionale (ruoli incompatibili). Era stata eletta al Pirellone nel 2018 nella lista milanese di Forza Italia, per cui la sostituirà il primo dei non eletti di quel partito, ovvero Alan Rizzi. Resterò invece a Palazzo Marino (ruoli non incompatibili). I primi non eletti sono Alessandra Cappellari, consigliera regionale mantovana, e il sindaco uscente di Ceriano Laghetto Dante Cattaneo.

Partito Democratico

Giuliano Pisapia, Irene Tinagli, Pierfrancesco Majorino, Patrizia Toia, Brando Benifei.

Notevole la "pattuglia lombarda" del Pd al Parlamento Europeo: da Milano arrivano Pisapia (il più votato in Italia tra i dem), Majorino e la Toia. Ottimo risultato per l'economista Tinagli, seconda nella circoscrizione, e festeggia anche lo spezzino Benifei, eurodeputato uscente e rappresentante dell'ala più a sinistra del partito, che batte un'altra uscente, l'ex governatrice del Piemonte Mercedes Bresso, prima dei non eletti. Resta nella seconda parte della classifica il consigliere comunale milanese Carmine Pacente.

Movimento 5 Stelle

Eleonora Evi, Tiziana Beghin.

Sarà tutta femminile la pattuglia di eurodeputati pentastellati del Nord-Ovest. Le due uscenti Evi (milanese) e Beghin (genovese) battono la capolista Maria Angela Danzì, milanese, appena scesa in politica dopo una carriera di segretaria generale di Comuni e Province. Secondo dei non eletti l'ex consigliere regionale lombardo Casalino.

Forza Italia

(Silvio Berlusconi), Massimiliano Salini, Lara Comi.

Due i deputati europei dal Nord-Ovest per gli "azzurri". Il "destino" di Lara Comi, eurodeputata saronnese uscente, dipende quindi tutto dalla scelta di Berlusconi, eletto in tutte le circoscrizioni (tranne al Centro, dove non era candidato). Se il Cavaliere optasse per un'altra circoscrizione, lascerebbe il suo posto al Nord-Ovest. Sicura invece l'elezione di Salini, ex presidente della provincia di Cremona, sostenuto dal mondo cattolico. In caso di ingresso della Comi, primo dei non eletti sarebbe un altro cattolico, il bresciano Parolini. 

Fratelli d'italia

(Giorgia Meloni), Carlo Fidanza, Pietro Fiocchi.

Fdi ottiene due deputati europei nel Nord-Ovest: ma la leader del partito Giorgia Meloni resterà in Parlamento a Roma, rinunciando quindi al posto a Bruxelles. A rappresentare Fdi per il Nord-Ovest saranno quindi il milanese Carlo Fidanza, già europarlamentare e attualmente deputato, e il lecchese Pietro Fiocchi. Ma Fidanza, per incompatibilità tra le cariche, lascerà il posto alla Camera a Maria Teresa Baldini, già (discussa) consigliera regionale in Lombardia, eletta nella Lista Maroni e poi passata a Fuxia People e, nel 2018, a Fdi. Primo dei non eletti il milanese Stefano Maullu.

Potrebbe interessarti

  • Schiamazzi e lite furibonda all'una di notte in strada

  • Dolore alla cervicale: i rimedi per combatterlo

  • Piante grasse in casa: ecco perchè fano bene alla salute

  • Disattivare le utenze: ecco come fare

I più letti della settimana

  • Sabato di maltempo a Milano: allerta meteo arancione della protezione civile per temporali

  • Milano, "tentato suicidio" a Famagosta: donna sotto la metro, la M2 ferma per un'ora e mezza

  • La Gomorra africana a due passi da Milano: spaccio, armi e sparatorie fra le gang rivali

  • Milano, nubifragi e grandine: il Seveso esonda due volte, strade e sottopassi allagati in città

  • Due scioperi in tre giorni, stop a metro Atm e treni Trenord: il mese infernale dei pendolari

  • Morto il musicista milanese 'Marione': fu il chitarrista di Battiato

Torna su
MilanoToday è in caricamento