Elezioni regionali: Massimo Gatti è candidato presidente per Sinistra per la Lombardia

La lista è impegnata a raccogliere le firme per presentarsi alle urne

Massimo Gatti e alcuni militanti di Sinistra per la Lombardia (Fb)

Una stella rossa in alto e la scritta "Sinistra per la Lombardia". E' questa la lista con cui Massimo Gatti si candiderà a presidente della Regione Lombardia alle elezioni del 4 marzo 2018, se la lista riuscirà a raccogliere circa 20 mila firme per presentarsi.

Classe 1956, sindaco di Paullo dal 1985 al 2004, Gatti è stato successivamente consigliere provinciale e, nel 2009, si è candidato alla presidenza della Provincia di Milano per Rifondazione Comunista, venendo rieletto consigliere. Politicamente ha iniziato nel Pci, ha seguito l'evoluzione del partito passando al Pds e poi ai Democratici di Sinistra. Quando è nato il Partito Democratico, Gatti ha abbandonato il partito e si è schierato con la sinistra radicale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Di fronte al balletto delle altre liste subordinato ad interessi politici nazionali, noi abbiamo a cuore unicamente i problemi della Lombardia, delle lavoratrici, delle pensionate e dei pensionati, delle cittadine e dei cittadini come sempre abbiamo dimostrato con la nostra coerenza», ha dichiarato Gatti annunciando la lista e la sua candidatura a presidente: «La nostra è l’unica proposta netta, senza tentennamenti e rinvii chiaramente alternativa alle destre, al Pd, ed ai 5 Stelle e ci rivolgiamo a tutte e tutti a partire dall’enorme quantità di cittadini che non votano più».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quando si azzerano i contagi a Milano e in Lombardia: le prime previsioni

  • Coronavirus, quando finisce quarantena? "Le misure saranno allungate oltre 3 aprile"

  • Coronavirus: contagi in calo in Lombardia, ma 458 morti in un giorno. A Milano 3.560 positivi

  • Coronavirus, morto barista milanese di 34 anni: lascia un bimbo di 1 anno

  • Coronavirus, per la Regione "dati confortanti" ma la crescita dei contagi (e dei morti) è senza fine

  • Violente risse nella notte: uomo trovato con avambraccio squarciato

Torna su
MilanoToday è in caricamento