giovedì, 24 aprile 6℃

Siria Trezzi intervistata su Cross Radio, ecco cosa ha detto

Ecco cosa ha risposto la candidata sindaco Siria Trezzi alle domande poste in diretta radiofonica dal vicepresidente dell'Associazione Imprenditori Nord Milano Giangiorgio Carta

Luca di Bisceglie20 maggio 2013

Ecco come ha risposto oggi alle domande su Cinisello Balsamo la candidata sindaco Siria Trezzi (Pd, Sel, Centro Popolare Lombardo, Cinisello Balsamo Civica e Italia dei Valori). Le domande sono state poste in diretta streaming su CrossRadio (con sede in viale Abruzzi nel quartiere Crocetta) e le tematiche trattate sono state quelle del lavoro, dell'occupazione e del commercio. L'incontro è stato suggerito dall'Associazione Imprenditori Nord Milano (in sala registrazione era presente il vicepresidente Giangiorgio Carta che ha posto personalmente le domande). L'Associazione, ha detto Carta, «ha come obiettivo la creazione di un network tra le piccole imprese per lo sviluppo delle stesse e la facilitazione del dialogo tra imprese e amministrazioni locali».

Quanto crede nelle associazioni di impresa e cosa c'è nel programma riguardo al rapporto tra Comune di Cinisello e associazioni? 
«Il rapporto su temi come sviluppo del territorio è fondamentale e necessario, nel programma abbiamo fatto riferimento specifico al rapporto con associazioni di categoria; c'è inoltre l'idea di costruire un tavolo a livello locale per avere contatti a livello sovracomunale. Dal Pgt al piano del traffico è importante concordare le scelte con le imprese del territorio».

Cosa avete in programma di fare per attrarre nuove aziende su Cinisello? Quali sono i settori su cui volete più investire, ovvero quindi come vede il futuro di Cinisello?. Sull'energia inoltre avete in mente qualcosa?
«A Cinisello ci sono spazi abbandonati: l'obiettivo è riutilizzarli e riempirli con attività produttive e nuove imprese; gli spazi vuoti sono il segnale di un veloce decadimento. Le imprese ormai non sono di grandi dimensioni, abbiamo in mente di proporre dei bandi per progetti di aziende produttive e di servizi (informazione o contabilità per esempio). Se l'azienda presenta un progetto interessante bene, quella struttura può fare al caso suo e gliela si dà. Vorremmo sviluppare una sorta di chilometro zero: all'interno dei bandi si potrebbe dare vantaggio alla territorialità (attraverso un punteggio differenziato). Poi c'è possibilità di esperienze di co-working. Posso dire invece di non sono favorevole all'ufficio Europa».

Politiche per il territorio e vivibilità. Quali sono gli aspetti riguardanti il territorio che vuole curare di più (sicurezza o ambiente per esempio)? Relazione coi Comuni vicini, come intende correlare con loro per queste politiche che sono anche intercomunali?
«Sicuramente c'è l'a
cquisizione delle aree del Grugnotorto. Le aree verdi sono patrimonio di tutti e devono essere un momento di partecipazione coi cittadini. Potremmo avviare dei percorsi di perfezionamento e abbellimento coinvolgendo la cittadinanza. La piscina (e non il centro benessere) deve trovare una collocazione più adeguata. Sul tema della sicurezza si dovrebbero creare dei patti locali di sicurezza urbana: nelle zone industriali e produttive bisogna coinvolgere le attività con esperienze ludovico-creative che limitino i momenti di abbandono. Infine bisogna ripensare a un sistema di viabilità interno che permetta un collegamento migliore a Milano e all'interno di Cinisello».

Anche il Comune è un'azienda che ha persone e lavoratori che sono risorse da valorizzare. Cosa ha intenzione di fare per la buona gestione del Comune? Ha idee di nuovi servizi e attività nell'amministrazione comunale?
«
rPer quanto riguarda la riduzione dei consumi c'è un piano già avviato, si deve continuare su quanto già tracciato, risparmiando su carta, contratti di telefonia e sviluppando l'informatizzazione. Penso ad App e a maggiore tecnologia al servizio del cittadino, oltre che a un potenziamento con nuove funzioni per lo sportello comunale. Dobbiamo ampliare l'utilizzo della CRS e dare seguito a convenzioni con INPS, Agenzie delle Entrate e CAF locali. Bisogna insomma valorizzare la macchina comunale e non ridurre il numero dei dipendenti pubblici come dice Casaleggio».

Mancano sei giorni e si va a votare: domenica 26 maggio alle 9:00 aprono i seggi e resteranno aperti anche lunedì dalle 7:00 alle 15:00. Poi si procederà allo spoglio. Cinisello pare che possa andare al ballottaggio. Lì cosa succederà?
«Spero che non si vada, ma se si andrà al ballottaggio me lo giocherò bene e con convinzione».

Annuncio promozionale

Siria Trezzi
Cinisello Balsamo

Commenti