Il M5S attacca il governatore Fontana: "Sulla Tav non sa di cosa parla. Stia zitto"

Così Dino Alberti, consigliere del M5S in Regione Lombardia, attacca il presidente della giunta regionale

“Attaccare in generale le analisi costi-benefici come strumenti tecnici di valutazione per cercare di togliere valore a quella sul Tav, dimostra che Fontana non ha capito di cosa si stia parlando. In particolare, il suo confronto con gli studi su BreBeMi è totalmente fuori luogo”. Così Dino Alberti, consigliere del M5S in Regione Lombardia, attacca il presidente della giunta regionale, Attilio Fontana, dopo l’intervento del governatore lombardo dai microfoni di “Radio Anch’io” su Rai Radio 1.

“La verità su BreBeMi – sottolinea il pentastellato lombardo – è che si è intervenuti allungando di 6 anni la concessione, mettendoci 300 milioni di fondi pubblici e imponendo che il futuro gestore dell’infrastruttura debba sborsare l’intero costo di realizzazione dell’opera per potersi aggiudicare la gestione. Tutto questo fa sì che l’autostrada rimanga in eterno in mano di chi oggi la gestisce garantendo profitti perpetui, ma senza tutto questo l’operazione finanziaria sarebbe stata un flop colossale. Ma queste – precisa ancora Alberti – sono per l’appunto valutazioni finanziarie che nulla hanno a che vedere con le valutazioni economiche che per la BreBeMi sono sempre state positive per via dell’eccessiva congestione dell’A4. Per questo l’analisi costi-benefici su BreBeMi è sempre stata positiva: perché tutto ciò che toglie traffico, anche di uno zero virgola, dalla A4 rende quel qualcosa vantaggioso”.

Infine, un messaggio per il governatore: “Fontana studi meglio la questione oppure stia zitto, perché a quanto pare non ben presente cosa sia l’analisi economica di un’infrastruttura”.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Perchè lei Alberti ha studiato a fondo l'analisi costo/benefici? Secondo me non sa di cosa parla, visto che la commissione è stata costruita ad arte per bocciare la TAV, io come cittadino non mi fido delle conclusioni e metto sul piatto della bilancia il peso enorme della drastica riduzione del traffico di TIR sulle strade e autostrade italiane, unico vero obiettivo che da solo pesa per almeno il 50% a favore della TAV e di tutte le altre opere ferroviarie che bisogna, prima o poi realizzare. Piuttosto che perdere tempo in chiacchiere nel contrastare un'opera già avviata e che deve essere realizzata, concentratevi nel veri******re che non si creino le condizioni per cui qualcuno ci lucri sopra con mazzette e affini, chi vi ha votato voleva questo, che voi diventiate i guardiani contro la corruzione e il malaffare politico, non le sabbie mobili che fanno affondare il paese. Rifletteteci su, se continuate a dire sempre dei no a tutto, solo per mantenere i pochi voti di quelle frange di fanatici no TAV, no TAP, no VAX, sparirete come neve al sole.

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Il "sabato nero" di Milano: l'estrema destra in pellegrinaggio alla cripta di Benito Mussolini

  • Cronaca

    Il bosco sul fiume trasformato nel mini market dell'eroina: una dose a 5 euro in pausa pranzo

  • Cronaca

    Milano, miliardaria truffata durante la vendita di una mega villa: via il Rolex da 120mila euro

  • Cronaca

    Furto "a colpi" di Enjoy: 500 scagliata contro la vetrina del bar, poi il colpo e la fuga coi soldi

I più letti della settimana

  • Incendio bus sulla Paullese: autista dirotta e dà fuoco al mezzo: "Voglio vendicare i morti in mare"

  • Autista dirotta autobus con ragazzini e poi gli dà fuoco: "Da qui non esce vivo nessuno"

  • Incidente a Buccinasco, auto pirata investe famiglia e fugge: 4 bimbi travolti, tre sono gravi

  • Meningite, morta Federica: ragazza di 24 anni

  • Ragazzino fermato dalla polizia chiama i genitori, ma loro sono due ricercati: arrestati

  • "C'è una bomba vicino al Duomo": telefonata fa scattare l'allarme, denunciato mitomane

Torna su
MilanoToday è in caricamento