Finanziamento illecito: indagato Marco Bonometti, presidente Confindustria Lombardia

Avrebbe erogato circa 30 mila euro a Lara Comi, candidata alle elezioni europee per Forza Italia

Marco Bonometti. Foto Ansa/Flavio Lo Scalzo

Marco Bonometti, presidente di Confindustria Lombardia, entra nell'inchiesta della direzione distrettuale antimafia di Milano che ha portato a 43 misure cautelari tra cui, tra l'altro, gli arresti per i due politici di Forza Italia Fabio Altitonante e Pietro Tatarella.

L'imprenditore (che è presidente di Officine Meccaniche Rezzatesi) è stato sentito martedì dagli inquirenti come persona informata sui fatti; dopo l'interrogatorio è stato ufficialmente indagato. Risponde di finanziamento illecito per una somma di circa 30 mila euro versata a Lara Comi, candidata alle elezioni europee per Forza Italia.

Secondo quanto si apprende, la cifra sarebbe stata versata in cambio di un testo scritto di poche pagine, risultate però copiate da un sito web. Un meccanismo che, peraltro, sarebbe stato utilizzato anche da un altro imprenditore. 

L'inchiesta: coinvolto anche Attilio Fontana

L'inchiesta della Dda ha riguardato diversi filoni d'indagine. Le due figure centrali emerse dalle ricognizioni sono quelle dell'imprenditore del Sud-Milano Daniele D'Alfonso e del plenipotenziario di fatto di Forza Italia in provincia di Varese Nino Caianiello. Quest'ultimo governava di fatto il partito nel Varesotto e cercava di "pilotare" le nomine pubbliche. In particolare, avrebbe tentato di corrompere il neo presidente della Lombardia Attilio Fontana, che poi è stato indagato (per abuso d'ufficio) per un altro episodio ed è stato già sentito dai magistrati. La vicenda che coinvolge Fontana riguarda un posto in Regione per Luca Marsico, suo socio di studio.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'azienda che assume 'ndranghetisti

Quanto a D'Alfonso, si tratta di un imprenditore "a caccia" di appalti per lavori pubblici. Da una parte, secondo l'accusa, avrebbe messo a libro paga (a 5 mila euro al mese più vari benefit) il consigliere comunale di Forza Italia Pietro Tatarella (che nel frattempo, dal carcere, si è dimesso dal ruolo, ma resta candidato alle elezioni europee del 26 maggio), il quale avrebbe ricevuto anche finanziamento elettorale illecito, accusa mossa anche al collega di partito Fabio Altitonante. E dall'altro, D'Alfonso avrebbe di fatto consentito ad una famiglia della 'ndrangheta (i Molluso) di entrare in azienda con sempre maggiori poteri decisionali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, 'paziente covid positivo' attraversa la città con flebo e ossigeno: la performance

  • Milano, 15 volanti danno la caccia a un uomo: il folle inseguimento finisce in Buenos Aires

  • Elena e Diego, i gemellini milanesi uccisi dal loro papà: ecco le prime verità dell'autopsia

  • Incidente a Carpiano, scontro tra due auto piene di bambini: bimba di 7 mesi grave

  • Milano, ancora spari in via Creta: ragazzo di 32 anni gambizzato durante la notte, le indagini

  • Tragedia a Pero, bambino di 5 anni muore soffocato mentre mangia una brioche in casa

Torna su
MilanoToday è in caricamento