menulensuserclosebubble2shareemailgoogleplusstarcalendarlocation-pinwhatsappenlargeiconvideolandscaperainywarningdotstrashcar-crashchevron_lefteurocutleryphoto_librarydirectionsshoplinkmailphoneglobetimetopfeedfacebookfacebook-circletwittertwitter-circlewhatsappcamerasearchmixflagcakethumbs-upthumbs-downbriefcaselock-openlog-outeditfiletrophysent_newscensure_commentgeneric_commentrestaurant_companiessunnymoonsuncloudmooncloudrainheavysnowthunderheavysnowheavyfogfog-nightrainlightwhitecloudblackcloudcloudyweather-timewindbarometerrainfallhumiditythermometersunrise-sunsetsleetsnowcelsius

La Lombardia sigla un'intesa in Siberia: «Il futuro è l'Eurasia»

Non solo nuove occasioni di scambi: il vice presidente lombardo Fabrizio Sala (Forza Italia) dichiara apertamente che l'obiettivo è «maggiore integrazione economica di quel vasto continente che è l'Eurasia»

Fabrizio Sala a Novosibirsk (foto Fb)

Missione istituzionale in Russia per il vice presidente della regione Lombardia, Fabrizio Sala, accompagnato dall'assessore allo sport Antonio Rossi e da due consiglieri regionali: il leghista Jari Colla e Marco Tizzoni (Maroni Presidente). La delegazione si è recata nella terza città della federazione, Novisibirsk, in Siberia sud-occidentale: un milione e mezzo di abitanti e - almeno secondo le fonti ufficiali - prospettive di crescita per il 2016.

Il viaggio è servito per firmare un protocollo d'intesa di «scambio di informazioni», come è stato definito in una nota ufficiale del Pirellone, «nei settori della chimica, dell'industria pesante, della ricerca e dell'internazionalizzazione». Durante il viaggio, i politici lombardi hanno incontrato i loro omologhi siberiani, primo tra tutti il governatore della regione di Novosibirsk, Vladimir Gorodetsky, con cui Roberto Maroni, a luglio 2015, aveva già firmato un'intesa a Milano. Ma hanno parlato anche con gli imprenditori siberiani, a cui hanno spiegato le numerose possibilità di investire nel territorio lombardo grazie ai cluster industriali, alle infrastrutture, all'eccellenza universitaria e di ricerca.

Non solo, però, naturale e sana «collaborazione tra regioni», se Sala, nel discorso tenuto all'universià di pubblica amministrazione di Novosibirsk il 19 gennaio, ha affermato che «grazie al lavoro svolto durante Expo si sono per noi aperte porte importanti a Oriente, penso alla Cina e ora anche ala Russia».

E se, all'incontro con Gorodestky, Sala aveva esplicitamente attaccato la 'guerra di sanzioni' tra Ue e Russia in seguito all'annessione illegale della Crimea da parte della Russia stessa, davanti agli studenti e ai docenti il vice presidente lombardo ha parlato di Oriente come luogo «a cui guardare per il nostro futuro, verso una maggiore integrazione economica di quel vasto continente unico che è l'Eurasia e che continua a crescere».

Potrebbe interessarti

Commenti

    Più letti della settimana

    • Cronaca

      Ucciso a coltellate fuori dal kebab: arrestato il killer, è il cugino della vittima

    • Cronaca

      Sciopero Trenord, Trenitalia e Italo il 24 e 25 maggio: stop di 21 ore ai treni e rischio caos

    • Cronaca

      Tromba d'aria con forte grandine tra Sudmilano e alto Pavese

    • Cronaca

      Sciopero treni, 21 ore di stop per Trenord, Trenitalia e Italo: orari e fasce di garanzia

    Torna su