La mamma milanese che sfida Matteo Salvini: 'Stai regalando momenti di terrore ai miei figli'

La donna, madre adottiva di due bimbi di colore, si rivolge al leghista. E lo sfogo è virale

Gabriella e Matteo Salvini

Ogni sera, quando mette la sua piccola a letto, si sente chiedere "ma mi rimandano in Africa?". Ogni giorno, quando il suo bimbo torna a casa, deve ascoltare i folli racconti delle discriminazioni e degli insulti che lui è costretto a subire. Così, ormai stanca, ha preso virtualmente carta e penna per raccontare tutto ciò a quello che lei ritiene essere uno dei colpevoli di questa situazione, il leader leghista Matteo Salvini. 

È diventato virale su Facebook lo sfogo che Gabriella Nobile - imprenditrice quarantanovenne, tarantina di origine ma da anni residente a Milano - ha indirizzato al numero uno del Carroccio. La donna, madre adottiva di due bimbi di colore di sette e dodici anni, ha voluto ringraziare personalmente Salvini perché - spiega - "sta regalando ai miei figli dei momenti di terrore davvero fuori dal comune". 

"Caro Salvini - inizia la lettera di Gabriella - sono una mamma adottiva di due splendidi bambini africani. Mia figlia di 7 anni prima di andare a letto mi chiede : «Ma se vince quello che parla male di noi mi rimandano in Africa?». E piange disperata". 

Non va meglio - racconta la donna - neanche a suo figlio, un dodicenne, anche lui africano. Lui - prosegue la mamma - "prende l’autobus per andare agli allenamenti di calcio quasi tutti i giorni e da circa un paio di mesi mi racconta di insulti che è costretto a subire da suoi gentili simpatizzanti. Dire ad un bambino di 12 anni, che oltretutto veste una divisa sportiva: «Sporco n.... , n..... di mer..., torna a casa tua, venite qui rubare e ammazzare le nostre donne» credo che sia la palese dimostrazione di come questo paese, grazie a persone come lei, stia lentamente scivolando nel baratro". 

E la colpa, secondo Gabriella, è anche degli "ipocriti slogan «Prima gli italiani»" di Salvini in cui "c’è tutta l’ignoranza di colui che non ha ancora capito che l’italiano è colui che ama l’Italia non che ci è nato. Come io - rivendica la donna - sono mamma perché amo i miei figli e non perché li ho partoriti".

Dopo la critica, è la stessa quarantanovenne a fare un invito al numero uno della Lega. "Faccia la guerra a coloro che ci hanno ridotto al collasso, benpensanti italici che hanno impoverito di cultura e di valori questo bellissimo Paese facendo guerre contro i poveri, gli immigrati, i gay, i rifugiati. Tutto - conclude Gabriella - per una sola bieca motivazione: distogliere l’attenzione dalle malefatte che imperterriti continuate a perpetuare a chi in questo paese ci crede davvero".

Lo sfogo di Gabriella nel giro di poche ore è diventato virale, ma evidentemente non è piaciuto proprio a tutti. Martedì mattina, infatti, il profilo Facebook della donna è stato bloccato dopo che, con ogni probabilità, qualcuno ha "segnalato" la "lettera" rivolta a Salvini. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

post salvini-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, 'paziente covid positivo' attraversa la città con flebo e ossigeno: la performance

  • Milano, 15 volanti danno la caccia a un uomo: il folle inseguimento finisce in Buenos Aires

  • Incidente a Carpiano, scontro tra due auto piene di bambini: bimba di 7 mesi grave

  • Milano, ancora spari in via Creta: ragazzo di 32 anni gambizzato durante la notte, le indagini

  • Maltempo a Milano, violenta grandinata nel pomeriggio di venerdì: diversi allagamenti

  • Fanno esplodere la banca e scappano verso un campo rom: il bottino era di 60mila euro

Torna su
MilanoToday è in caricamento