Crisi di governo, Marta Cartabia, prima donna (del Milanese) che potrebbe diventare premier

Nata nel 1963 e originaria di San Giorgio su Legnano, dal 2014 è vicepresidente della Corte costituzionale

Marta Cartabia (foto da Wikipedia)

Il nome di Marta Cartabia, vicepresidente della Corte costituzionale, è tra quello dei possibili candidati alla presidenza del consiglio nel caso di un alleanza tra pentastellati e Pd. Sarebbe la prima volta che una donna diventa premier in Italia.

Chi è Marta Cartabia

Nata nel 1963 a San Giorgio su Legnano, periferia nord-ovest di Milano, Marta Cartabia si è laureata (con lode) in giurisprudenza all'Università degli Studi di Milano, dove per sei anni ha anche lavorato come ricercatrice. Nel 2004, poi, è diventata professore associato all'Università Bicocca.

Oltre a insegnare come docente universitaria e a pubblicare diversi libri, dal 2011 Cartabia è giudice costituzionale, dopo la nomina del presidente della Repubblica Giorgio Napolitano, e dal 2014 vicepresidente della Corte costituzionale. Nel 2018 il nome della professoressa è stato indicato come possibile ministro tecnico del governo Cottarelli, che però non è mai nato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ogni quanto bisogna pesarsi?

  • Bollettino Coronavirus in Lombardia e a Milano: 29 morti e 84 nuovi casi ma pochi tamponi

  • Milano, finti 'assistenti civici' comunali: la polizia denuncia due youtuber di The Show

  • Bollettino Coronavirus in Lombardia e a Milano: + 402 nuovi casi positivi su quasi 20mila tamponi

  • All'Antico Vinaio a Milano, il 15 giugno apre il mitico locale delle schiacciate fiorentine

  • Bollettino Coronavirus in Lombardia e a Milano: tamponi quasi 'spariti', dati ininfluenti

Torna su
MilanoToday è in caricamento