Frediano Manzi: “Non cambia niente dopo le minacce”

Il presidente di Sos Racket ed usura ha incontrato i vertici della Provincia per stabilire una linea comune nella lotta alla criminalità organizzata e nella sua infiltrazione nell’assegnazione delle case popolari: “Non cambia niente dopo le minacce” ha detto Manzi

Sì è tenuto questa mattina un incontro tra la Provincia di Milano e Frediano Manzi, il presidente di Sos Racket ed Usura, minacciato negli ultimi giorni per la sua attività e il suo video denuncia sulla mafia delle popolari.

Dall’incontro è emersa la volontà di un impegno congiunto degli enti locali e degli abitanti delle periferie, per contrastare l’intrusione della criminalità organizzata nell’assegnazione delle case popolari.

“Non cambia niente dopo le minacce che ho ricevuto il lavoro va avanti insieme alle istituzioni. Bisogna portare il Comune e le altre istituzioni a entrare nei quartieri a parlare con la gente. Questo è quello che abbiamo fatto questa mattina” ha sottolineato Frediano Manzi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Uomo sui binari travolto e ucciso dalla metro rossa: aveva 24 anni

  • Milano, Carrefour compra 28 supermercati Auchan da Conad: "Nessun esubero"

  • Notte di incidenti a Milano: schianto tra auto in via Primaticcio, 5 ragazzi feriti e un uomo in coma

  • Incidente tra filobus Atm e camion Amsa: indagati per omicidio stradale i conducenti

  • Milano, sciopero Trenord in arrivo: treni a rischio per 24 ore e nessuna fascia di garanzia

  • I fratelli, l'autista, Omega 3 e Caronte: la banda che voleva sequestrare l'uomo da 4 milioni

Torna su
MilanoToday è in caricamento