Le modifiche al regolamento in zona 3

Ecco in dettaglio le due modifiche proposte dalla maggioranza in zona 3 che hanno fatto scatenare la polemica con le opposizioni

Vincenzo Viola, vicecapogruppo del Pdl in zona 3, non ci sta a passare per un ostruzionista. Certo, il metodo è quello. Ma ci tiene a difendere la sua posizione, secondo cui il presidente del consiglio di zona Renato Sacristani starebbe effettivamente mettendo un "bavaglio" alle opposizioni. "Avevamo raggiunto un risultato condiviso con il nuovo regolamento - dichiara Viola - ma ora queste ulteriori modifiche non ci trovano concordi".

Intanto nella seduta del 23 marzo è stata approvata la prima modifica, mentre la seconda verrà discussa nella prossima seduta. Vediamole in dettaglio.

La prima modifica rigurada le espulsioni dei consiglieri (art. 10 c. 4 del regolamento di zona). L'attuale regolamento prevede la possibilità di interdire un consigliere fino a tre sedute su proposta del presidente e con votazione segreta dei due terzi dei votanti. L'interdizione fa seguito a una espulsione comminata nella seduta precedente. Con la modifica proposta, sarà più semplice e immediato interdire i consiglieri: innanzitutto si potrà fare nella stessa seduta, inoltre la maggioranza richiesta sarà quella semplice.

Non solo: mentre col testo in vigore l'espulsione (e l'eventuale interdizione) è originabile da un comportamento scorretto di un consigliere nei confronti di altri (ad esempio l'interruzione durante il dibattito), nel nuovo testo si prevede anche, per evitare l'ammonizione e la successiva eventuale espulsione, l'utilizzo di un abito non dignitoso e l'obbligo di rimanere al proprio posto.

La seconda modifica riguarda l'istituto delle mozioni urgenti. E' in corso una polemica tra maggioranza e opposizioni: queste ultime vorrebbero continuare a poter presentare mozioni urgenti votando in seduta l'urgenza stessa, mentre la maggioranza vorrebbe uniformarsi alle altre zone e quindi prevedere una raccolta firme preventive, senza cui la mozione urgente non può essere presentata. Però la modifica proposta dalla maggioranza parla di "mozioni urgenti sottoscritte a maggioranza assoluta dei consiglieri", mentre il regolamento del decentramento (art. 8 c. 1) parla di "mozioni urgenti sottoscritte a maggioranza assoluta dei presenti".

La differenza è rilevante, come ammette anche Pierangelo Rovelli, capogruppo del Pd, a MilanoToday: "La mia opinione personale - ci dice - è che su questo specifico punto si possa arrivare a un emendamento per allinearci al regolamento generale, perché in effetti la maggioranza assoluta dei consiglieri, anche quelli non presenti, è difficile da ottenere con raccolta di firme al momento".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, l'allarme dei medici di Milano: "Prepararsi a stagione influenzale o sarà crisi"

  • Milano, folle abbandona la mamma sull'A7, poi picchia un tranviere e si mette a guidare il tram

  • Accoltellato sull'autobus a Milano, 23enne gravissimo in ospedale

  • Follia alla Darsena: due ragazzi gettano in acqua un venditore di rose e poi scappano

  • Coronavirus, nuovo decreto su mascherine, discoteche e voli: che cosa (non) cambia dal 14 luglio

  • Milano, niente più mascherina all'aperto se si rispetta la distanza di sicurezza

Torna su
MilanoToday è in caricamento