Cattolici, musulmani e gli altri: tutti insieme contro la legge "anti moschee"

La legge regionale fissa paletti rigidissimi per ogni nuovo luogo di culto, di qualunque religione. Chiesta al governo la sospensione immediata

Una moschea (Abu Dhabi)

Ancora polemiche sulla legge regionale "anti moschee", la numero 3 del 2015, che ha messo paletti estremamente rigidi per la costruzione di nuovi luoghi di culto di ogni confessione (anche cattolici) con lo scopo di limitare al massimo la costruzione di moschee nel territorio lombardo.

Le comunità religiose lombarde hanno presentato al governo una istanza per chiedere la sospensione immediata della legge in questione. A presentare l'istanza l'Associazione studi giuridici sull'immigrazione (Asgi) e Avvocati per niente (Apn). All'appello hanno aderito molte realtà di tutte le religioni: dai cattolici agli evangelici, dagli induisti ai musulmani.

"Si tratta di una legge anticostituzionale che intacca i diritti fondamentali di migliaia di lombardi di diverse fedi, domandarne la sospensione immediata alla Corte Costituzionale è una richiesta più che legittima", ha affermato Alberto Guarisco dell'Asgi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, turista sequestrata e violentata dentro un McDonald's: le fratturano anche il naso

  • Primark apre un altro negozio milanese: il 4 dicembre inaugura il mega store al Fiordaliso

  • La procura sequestra il Villaggio di Natale a Milano: a rischio l'apertura del mega parco

  • La metro è sempre più grande, ecco i soldi per prolungare la M5: 11 nuove stazioni sulla lilla

  • La Dea bendata bacia il Milanese: vincita record con il concorso di sabato del Lotto

  • Incidente a Milano, perde il controllo dell'auto: finisce nel ristorante, paura in piazzale Martini

Torna su
MilanoToday è in caricamento