"Berlusconi pagava le ragazze per il silenzio": l'ex premier va a processo

L'accusa è di avere indotto quattro ragazze a rendere una testimonianza "edulcorata"

Berlusconi

Silvio Berlusconi è stato rinviato a giudizio dal gup di Milano Maria Vicidomini nell'ambito dell'inchiesta denominata Ruby Ter. Con lui, quattro ragazze (cosiddette "olgettine") che partecipavano ad alcune "cene eleganti" nella residenza di Arcore: Elisa Toti, Aris Espinosa, Giovanna Rigato e Miriam Loddo.

In questo filone, l'ex presidente del consiglio è accusato di avere versato denaro alle quattro ragazze, con la presunzione che lo abbia fatto sperando di "comprare" il loro silenzio in occasione del processo principale sul caso Ruby, dove Berlusconi rispondeva di falso e di prostituzione minorile.

Secondo l'accusa, le ragazze avrebbero beneficato di 400 mila euro, oltre ad utilità di altro tipo. In cambio, avrebbero "edulcorato" le loro versioni dei fatti durante l'interrogatorio dei giudici.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Uomo sui binari travolto e ucciso dalla metro rossa: aveva 24 anni

  • Milano, Carrefour compra 28 supermercati Auchan da Conad: "Nessun esubero"

  • Notte di incidenti a Milano: schianto tra auto in via Primaticcio, 5 ragazzi feriti e un uomo in coma

  • Incidente tra filobus Atm e camion Amsa: indagati per omicidio stradale i conducenti

  • Milano, sciopero Trenord in arrivo: treni a rischio per 24 ore e nessuna fascia di garanzia

  • I fratelli, l'autista, Omega 3 e Caronte: la banda che voleva sequestrare l'uomo da 4 milioni

Torna su
MilanoToday è in caricamento