Marijuana, Radicali distribuiscono semi di cannabis: arriva la polizia

L'iniziativa di disobbedienza civile. Distribuiti anche semi di canapa indiana ai passanti

Marco Cappato e Antonella Soldo piantano il seme di canapa indiana

Azione di disobbedienza civile dei Radicali a Milano, in piazza Duca d'Aosta, per la campagna a favore della legalizzazione della cannabis in Italia. Davanti al Pirellone si sono dati appuntamento Marco Cappato (già candidato a sindaco di Milano), Antonella Soldo (presidente di Radicali Italiani) e Barbara Bonvicini (segretario dell'Associazione Radicale Enzo Tortora) oltre diversi militanti del movimento.

Cappato e Soldo hanno piantato un seme di canapa indiana in una aiuola della piazza e, subito dopo, sono stati fermati e identificati da agenti della Digos. Allo stesso tempo, i militanti radicali hanno consegnato lettere personalizzate di «istigazione alla coltivazione di semi di cannabis», ricordando che in Parlamento sono in discusione alcune proposte di legge per consentire la coltivazione di poche piante di marijuana ad uso personale, ma il tempo stringe: la Legislatura termina infatti nel 2018.

VIDEO | La Digos ferma Cappato

video-33L'iniziativa milanese fa parte di una campagna nazionale portata avanti da Radicali Italiani. Soldo ha spiegato di avere già piantato un seme di canapa in giardini o aiuole di varie città come Torino e Bari. «Al termine di questo tour - ha aggiunto la presidente di Radicali Italiani - mi autodenuncerò».

«La invito caldamente - nel caso in cui lei intenda consumare cannabis - a utilizzare per il suo consumo personale il raccolto della pianta ottenuta da questo seme, invece di rifornirsi dalla criminalità», si legge nella lettera distribuita insieme ad un seme "femminilizzato": «Consumando la cannabis da lei stesso prodotta, in alternativa a quella reperibile sul mercato nero, lei beneficerà del vantaggio di conoscere la qualità di ciò che consuma, risparmiare e non entrare in contatto (e non regalare profitti) con organizzazioni che solitamente sono dedite anche ad altre attività, quelle sì pericolose per l'ordine pubblico».

I tre dirigenti radicali hanno anche ricordato che in consiglio regionale ci sono tre proposte di legge sulla cannabis terapeutica (di cui una, quella dei Radicali, d'iniziativa popolare) ma non sono ancora state discusse. «La Digos ha fatto il suo dovere», ha commentato infine Cappato: «Ci scusiamo per avere occupato per un'ora le forze dell'ordine, ma il nostro obiettivo è di liberarli in futuro da un inutile carico perché si occupino di reprimere i veri crimini che danneggiano i cittadini».

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Avatar anonimo di maurizio
    maurizio

    cervelli  in   fu......mo

  • Avatar anonimo di maurizio
    maurizio

    canneggiano  dal  1968 non  si  sono  più  ripresi.dieta anoreica

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Incidente stradale a Milano: ha un malore in auto e cade nel fossato

  • Cronaca

    Liste d'attesa "monstre" in sanità: la Regione stanzia soldi per ridurle

  • Cronaca

    Strada Binasca, giro di vite contro la prostituzione: multati tre clienti e una "lucciola"

  • WeekEnd

    Cosa fare a Milano dal 19 al 21 gennaio

I più letti della settimana

  • Parte un colpo di pistola "per sbaglio": una studentessa 21enne uccisa dal suo fidanzato

  • Milano, ecco il locale di Black Mirror: il ristorante del futuro dove si paga con i like

  • Incidente in via Astesani, davanti la fermata di Affori FN: strada chiusa e traffico in tilt. Foto

  • Incidente in un'azienda che lavora metalli, sei operai intossicati: tre morti, un altro è grave

  • Tentato suicidio in metro: fermi i treni della linea rossa tra Loreto e Villa San Giovanni

  • Ragazzini discutono col conducente sul bus, lui reagisce e ne accoltella uno: 17enne ferito

Torna su
MilanoToday è in caricamento