Silvia Sardone passa al gruppo della Lega in consiglio comunale

La "pasionaria" del quartiere Adriano si era già candidata con la Lega alle elezioni europee

Sardone con Abbiati (a sin.) e Bastoni (al centro), leghisti a Palazzo Marino

Silvia Sardone, ex Forza Italia, è entrata nel gruppo della Lega a Palazzo Marino. La "pasionaria" del quartiere Adriano, che ha iniziato la sua carriera politica nella Zona 2, è ormai uscita dal partito di Berlusconi da circa un anno. Ma fino ad ora era rimasta nel gruppo misto, nonostante la candidatura nella lista del Carroccio alle elezioni europee del 26 maggio.

Era quindi solo questione di formalità. Sardone, infatti, dopo vari mesi di "corteggiamento silenzioso", lontano dai riflettori, è stata candidata da Matteo Salvini nella circoscrizione Nord-Ovest al Parlamento Europeo, venendo eletta con quasi 45 mila voti di preferenza

Non nuova, Silvia Sardone, ai "boom" elettorali. Nel 2016, dopo i cinque anni da consigliera di zona, si è candidata al consiglio comunale (per Forza Italia) ed è arrivata quarta, ma prima "new entry" del partito in piazza Scala. Due anni a Palazzo Marino e poi, nel 2018, il 4 marzo, la candidatura in Regione. E il vero e proprio exploit: 11 mila voti di preferenza, prima tra le donne in tutta la Lombardia e seconda assoluta dopo il collega di partito Giulio Gallera. 

Poi la doccia fredda: nonostante fosse per lei pronta la delega al lavoro e alle attività produttive, all'ultimo momento le dicono di non recarsi alla presentazione degli assessori che avrebbero affiancato Attilio Fontana, il nuovo presidente della giunta regionale. Esclusa in extremis, si arrabbia moltissimo ed esce da Forza Italia.

In Comune e in Regione passa al gruppo misto. Il resto è storia di quest'anno: la candidatura alle europee per la Lega, l'elezione a Bruxelles, le conseguenti dimissioni da consigliera regionale (ruoli incompatibili) ma non da consigliera comunale, e adesso il passaggio al gruppo della Lega a Palazzo Marino. Che quindi diventa di cinque consiglieri: Massimiliano Bastoni, Alessandro Morelli, Laura Molteni, Gabriele Luigi Abbiati e, appunto, Silvia Sardone.

«Adesione convinta alla Lega»

«Questo cambio di gruppo - scrive Sardone - è la ovvia conseguenza di un percorso di adesione piena e convinta alla Lega. Ringrazio Matteo Salvini e i dirigenti regionali e locali per avermi consentito di entrare nella Lega e di continuare il mio impegno politico sul territorio al loro fianco. Li ringrazio per la stima e la fiducia che mi hanno accordato.
Il mio risultato elettorale a Milano con i 12 mila voti alle recenti europee mi ha particolarmente onorato e rappresenta un impegno che mi responsabilizza a moltiplicare il mio lavoro in città. Continuerò insieme agli altri consiglieri comunali e municipali la mia attività di sopralluoghi, denunce, segnalazioni. L'obiettivo, a partire dal consiglio comunale, rimane quello di fare un'opposizione intransigente, segnalando i molteplici fallimenti della giunta Sala, dalla sicurezza alle periferie, dal welfare ai lavori pubblici».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • I politici romani prendono in giro l'albero di Milano: "Che schifo il vostro ferracchio"

  • Incidente in viale Bezzi, schianto tra un filobus della 90 e un camion per la raccolta rifiuti

  • "Puoi spostarti?": ragazza prende a schiaffi un uomo sull'autobus Atm, ma lui è sordomuto

  • Milano, uomo trovato morto sul marciapiedi: sul posto la scientifica

  • Milano, la figlia neonata di una detenuta non respira: agente della penitenziaria la salva così

  • Incidente in autostrada A4 tra Agrate e la Tangenziale Est: nove chilometri di coda

Torna su
MilanoToday è in caricamento