La Waterloo di Letizia Moratti ha anche un costo: 10 milioni di euro

9 milioni e 700mila euro. Questa, secondo i dati pubblicati per legge, la spesa della Moratti per la (disastrosa) campagna elettorale 2011. Pisapia a 1 milione e 700mila, Calise a (!) 10mila euro

9 milioni e 700mila euro. A cui bisogna aggiungere le spese per i candidati e le liste più vicine: si arriva in un batter d'occhio a quasi 11 milioni di euro.

E' questa la cifra, depositata come vuole la legge nella bacheca dell'albo pretorio del Comune di Milano, spesa dell'ex sindaco di Milano Letizia Moratti per la passata campagna elettorale. Campagna, poi, che si è rivelata una Waterloo. E non siamo lontanissimi dalle cifre ipotizzate da Grillo in un comizio in piazza Duomo durante un comizio ("20 milioni)", nonostante il passato primo cittadino abbia sembre negato numeri di tal fattura.

Scartabellando tra i costi, si vedono voci curiose: più di 100mila euro per l'invio degli sms, 300mila euro per i consulenti di immagine, oltre due milioni di euro per l'organizzazione dei concerti. Cifra, nel complesso, che supera di gran lunga il "bilancio" del 2006, come scrive Repubblica, che si era fermato a 6,2 milioni.

Pisapia viaggia a una cifra di un decimo inferiore: un milione e 700mila euro. Di questi soldi, un milione di euro è stato raccolto attraverso le donazioni e i fondi dei "supporter". Ma la dimostrazione più lampante che con una campagna davvero low cost si può raggiungere il massimo è il risultato di Mattia Calise (Grillo): spesa intorno ai 10mila euro e posto in Consiglio comunale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

"Parco" il Pdl: a fronte di una previsione di spesa di diversi milioni di euro, la cifra depositata si avvicina ai 600mila euro, nettamente inferiore a quanto preventivato. Non si possono conoscere i dati di Lega, Nuovo Polo, Sel e Pd. I Radicali hanno speso circa 180mila euro; i "Giovani per l'Expo" (nessun eletto, un misero 0,2%) 700mila euro; la lista di Croci 422mila euro (con denaro raccolto da contributi e donazioni).

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Ogni quanto bisogna pesarsi?

  • Bollettino Coronavirus in Lombardia e a Milano: 29 morti e 84 nuovi casi ma pochi tamponi

  • Bollettino Coronavirus in Lombardia e a Milano: + 402 nuovi casi positivi su quasi 20mila tamponi

  • Milano, finti 'assistenti civici' comunali: la polizia denuncia due youtuber di The Show

  • All'Antico Vinaio a Milano, il 15 giugno apre il mitico locale delle schiacciate fiorentine

  • Bollettino Coronavirus in Lombardia e a Milano: tamponi quasi 'spariti', dati ininfluenti

Torna su
MilanoToday è in caricamento