Chiude il Festival dei beni confiscati. A Milano apriranno gli sportelli antiusura

Saranno delocalizzati nelle nove zone. L'intesa tra il comune e l'ordine degli avvocati

Majorino e Pisapia al festival (foto Comune di Milano)

Concluso a Milano il Festival dei beni confiscati alle mafie, l'appuntamento annuale con cui si "celebra" il ritorno nel sistema sociale di beni (edifici, negozi, appartamenti) che la criminalità organizzata usava come "basi" oppure come investimenti immobiliari. E sempre nella città di Milano è pronto a partire lo "sportello antiusura", a gennaio 2016, delocalizzato nei quartieri cittadini.

«Contro usura ed estorsioni l'amministrazione e l'ordine degli avvocati hanno firmato un protocollo per potenziare gli sportelli legali presenti nelle nove zone», ha spiegato David Gentili del Partito democratico.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente sulla Ovest: motociclista tamponato finisce oltre il guard rail e viene travolto, morto

  • Milanese "razzista" e "salviniana" non affitta ai "meridionali": l'audio diventa virale

  • Milano, grosso incendio in Stazione Centrale: a fuoco un'area dove si rifugiano i clochard

  • Milano, la velina Giulia Calcaterra in ospedale: “Un batterio mi ha bucato il malleolo”. Le foto

  • Uomo trovato impiccato a un albero in un parco di Milano. Indaga la scientifica

  • Milano, paura in un cantiere a City Life: gru precipita dal 29° piano della Torre Libeskind

Torna su
MilanoToday è in caricamento