Milano, Forza Nuova si "difende": "La Segre? Noi non ce la prendiamo mai con le anziane"

Il partito di estrema destra dice la sua dopo lo striscione affisso al Municipio 6

La Segre

Forza Nuova si "difende", a modo suo. Il partito di estrema destra, che martedì aveva affisso uno striscione fuori dal Municipio 6 che proprio quel giorno ospitava Liliana Segre, si smarca dalle accuse e ci tiene a sottolineare che il loro obiettivo non era la senatrice a vita e superstite dell'Olocausto. 

"Nostra contestazione a Liliana Segre? Non è mai stata nostra consuetudine prendercela con le donne, soprattutto se anziane, e non era certo rivolto a lei lo striscione che abbiamo affisso davanti al Municipio 6", si legge in una loro nota ufficiale in riferimento proprio allo striscione, su cui si leggeva "Sala ordina, l'antifa agisce, il popolo subisce". 

"È piuttosto il Pd, e più in generale la sinistra, ad avere l’abitudine di sfruttare donne, anziani e bambini per fare politica, così come ha fatto nel Municipio 6, invitando la gentile signora Segre per deviare l’attenzione dalle proprie malefatte politiche".

E ancora: "Il nostro striscione – spiega Forza Nuova - aveva e ha esclusivamente lo scopo di richiamare l’attenzione sui recenti fatti di cronaca, relativi al racket delle occupazioni organizzato proprio nel territorio del Municipio da parte di esponenti dei centri sociali. Gli stessi centri sociali coccolati e tutelati dal sindaco e dalla sua giunta". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Milano, turista sequestrata e violentata dentro un McDonald's: le fratturano anche il naso

  • Primark apre un altro negozio milanese: il 4 dicembre inaugura il mega store al Fiordaliso

  • La procura sequestra il Villaggio di Natale a Milano: a rischio l'apertura del mega parco

  • La metro è sempre più grande, ecco i soldi per prolungare la M5: 11 nuove stazioni sulla lilla

  • La Dea bendata bacia il Milanese: vincita record con il concorso di sabato del Lotto

  • Incidente a Milano, perde il controllo dell'auto: finisce nel ristorante, paura in piazzale Martini

Torna su
MilanoToday è in caricamento